L’Alta Langa diventa Docg – Presto le prime bottiglie

“Alta Langa”, il metodo classico che nasce sulle colline alla destra del Tanaro nelle province di Cuneo, Asti e Alessandria, ha ottenuto la Docg, grazie alla decisione unanime che il Comitato nazionale ha assunto il 16 novembre 2010 e alla firma che il Ministero delle politiche agricole e forestali ha posto sul decreto di riconoscimento il 21 febbraio 2011. “

Alta Langa” diventa così la tredicesima Docg piemontese, un record di prestigio e di qualità che ribadisce il primato della nostra regione a livello nazionale. La soddisfazione espressa dal “Consorzio Alta Langa” e dal suo presidente Lamberto Vallarino Gancia deriva dal fatto che è stata accolta anche la richiesta di retroattività per le annate 2008, 2009 e 2010, anticipando l’applicazione concreta del riconoscimento.

L’appuntamento per le prime bottiglie Docg dell’Alta Langa Metodo classico potrebbe già essere a marzoaprile, quando l’annata 2008 avrà ultimato il periodo di affinamento obbligatorio di 30 mesi calcolati dalla vendemmia.

Il nuovo Disciplinare riconosce anche la possibilità di indicare in etichetta la menzione “Riserva” per le bottiglie di Alta Langa con più lungo affinamento sui lieviti. “Alta Langa” è prodotto esclusivamente da uve Pinot nero e/o Chardonnay coltivate in collina sopra i 250 metri e può essere solo millesimato. Molto longevo, possiede notevole ampiezza di profumi e sapori.

g.m.