Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

13 candidati per 7 Comuni

Sono state presentate la scorsa settimana le candidature per le elezioni comunali del 15-16 maggio. Tredici i candidati nei 7 paesi di Langa coinvolti dalla tornata elettorale.

In due Comuni (Barbaresco e Prunetto) ci sarà una sola lista; due i candidati a Bergolo, Grinzane Cavour, Roddi e Santo Stefano Belbo e tre a Pezzolo Valle Uzzone.

A Barbaresco il sindaco Alberto Bianco si è ricandidato. Al suo fianco, nella lista “Barbaresco è futuro”, nove candidati: Mauro Ceppa, Sergio Minuto, Gabriele Occhetti, Laura Giordano, Angelo Rocca, Bruno Rocca, Marco Rocca, Marco Vacca e l’attuale vicesindaco Mario Zoppi.

Anche a Prunetto l’esito elettorale è già scritto perché, a correre per la fascia tricolore, ci sarà soltanto Luigi Costa, ex sindaco e attuale assessore provinciale. Nel gruppo di Costa, figurano Giovanni Blangero, Aldo Carbone, Alessandra Cavallo, Elisabetta Gallo, Massimiliano Gallo, Mirella Gallo, Mirko Monaco, Paolo Pilepich e Giada Valle. Ha deciso di non ricandidarsi il sindaco Sandro Franchello.

Il colpo di scena più eclatante si è verificato a Bergolo, dove il sindaco Stefano Boido, dopo aver dichiarato la scorsa settimana di voler rinunciare alla corsa per la fascia tricolore, ha deciso di ricandidarsi con un nuovo gruppo, formato con l’ex rivale e consigliere di minoranza Piercarlo Abbate. Nella lista “Un futuro per Bergolo”, oltre ad Abbate, ci saranno anche Claudio Rava, Clotilde Priero, Roberto Bosco, Elena Perfetti, Giuliano Abbate e Ivano Francesco Verra. A insidiare Boido, sarà l’insegnante in pensione Mario Marone, storico presidente della Pro loco ed ex assessore nelle legislature di Romano Vola. Nel gruppo di Marone figurano diversi ex alleati di Boido: Emilio Banchero, Luciano Belio, Roberto Bertola, Alfio Saredi e Mirco Vola Righetti. Completano la lista, denominata “Bergolo”, Gianfranco Casetta e Lorenzo Taretto.

A Santo Stefano Belbo per trovare il successore di Giuseppe Artuffo si disputerà una sfida a due tra Giovanni Franco Ceretto (già primo cittadino dal 1985 al 1993 e capogruppo dell’opposizione fino a oggi) e il consigliere provinciale Luigi Genesio Icardi. Ceretto sarà sostenuto dalla lista “Insieme per il paese” formata da: Carmelina Balbo, Carlo Baldovino, Marco Bevilacqua, Bruno Boraggini, Italo Borello (assessore uscente), Anna Caccavale, Davide Ciccarello Cicchino, Luigi Corbo, Fabrizio Greco, Piera Icardi, Patrizia Preatto edEmmanuela Yikona Rota. “Vivere Santo Stefano” è, invece, lo schieramento di Icardi che sarà sostenuto da: Cristiano Amerio, Maurizio Barbero, Pier Luigi Bosca, Domenico Cannito, Giovanni Colla, Claudio Giovanni Gallina, Barbara Gatti, Fabrizio Giachino, Fabrizio Manzo, Marinella Massaro (assessore uscente), Andrea Montanaro e Gianni Revello.

A Grinzane Cavour il sindaco Franco Sampò si ripresenta per continuare il lavoro svolto finora. Il suo concorrente è Renzo Marengo, che fa già parte della minoranza attuale. La lista di Sampò, che ha come simbolo quello della passata legislatura (il gallo sul promontorio illuminato dal sole), è formata da Emanuela Cravanzola, Teresio Cravero, Renato Destefanis, Gianfranco Garau, Alberto Grimaldi, Lucia Parusso, Daniela Pelissero, Antonio Viberti e Sergio Viglierchio. La lista di Marengo, denominata “Per Grinzane Cavour” (che campeggia sul logo rotondo e la scritta “Renzo Marengo”), è composta da Luciana Coccio, Emiliano Boasso, Paolo Affori, Edoardo Alessandria, Lorenzo Edmondo Bonelli, Claudio Bressano, Domenico Ghione, Carlo Marchisio e Gaetano Ribezzo.

A Roddi i due candidati sindaci non superano i 40 anni. Sono Mauro Cane, capogruppo dell’attuale minoranza, e Roberto Giacosa, alla sua prima esperienza. Cane, 39 anni, si presenta con la lista “Rinnovamento”, il cui simbolo raffigura una spiga di grano e un grappolo d’uva. Al suo fianco: Paolo Biglino, Michele Boasso, Sara Bollano, Gianluca Bonelli, Roberto Davico, Bruna Ferrero, Massimo Greci, Valentina Rubino e Josetta Saffirio. Roberto Giacosa, 40 anni, ha scelto lo slogan “Roddi viva”, che campeggia su uno sfondo rosso-arancione con l’immagine del lato sud-ovest del castello e la bandiera tricolore. Nella sua lista: Luigi Abrigo, Massimo Borsa, Danilo Candela, Matteo Cavallotto, Pierina Frea, Mauro Galeazzo, Massimo Saglia, Laura Torrengo e Stefano Zoccola.

A Pezzolo Valle Uzzone, a contendersi la fascia tricolore saranno il sindaco uscente Piero Sugliano, l’ex primo cittadino Francesco Biscia e l’outsider Giovanni Solari. Sugliano, leader della lista civica “Stretta di mano”, sarà affiancato da Gianni Balbiano, Claudio Balbiano, Giulio Borello, Pierluigi Canonica, Marcello Molinari, Maurizio Mozzi, Adriano Porro e Claudio Taramazzo. Eccezion fatta per Claudio Balbiano (che nella legislatura appena conclusa era seduto tra i banchi dell’opposizione) e per la new entry Giulio Borello, è stata riconfermata la squadra che ha amministrato il Comune negli ultimi cinque anni. Non lascia sicuramente indifferenti la candidatura di Francesco Biscia, già sindaco di Pezzolo in due occasioni, che per il suo ritorno ha scelto di affidarsi a un mix di esperienza e novità. Nella lista “Orizzonti nuovi”, a sostegno di Biscia, ci saranno Edoardo Alemanno, Fiorenzo Braida, Piero Brusco, Giuseppe Benedetto Gallo, Silvana Santina Giribaldo, Enrico Lovesio, Angelo Parodi, Marco Savina e Mauro Taretto. Terzo incomodo, nel duello Sugliano- Biscia, il nome nuovo della politica pezzolese: il libero professionista di Gorrino Giovanni Solari, che guiderà la lista “L’altra prospettiva”. Nel gruppo figura l’ex consigliere di minoranza Giuseppe Maccagno insieme a Franciscus Joseph De Rijk, Assunta Di Munno, Stefanie Hanel, Marco Oreda, Mara Quenda e Luigi Rabioglio. È invece rimasto fuori dalla bagarre elettorale l’ex leader dell’opposizione Dino Zamboni. A Santo Stefano Belbo saranno eletti dodici consiglieri comunali (otto di maggioranza e quattro di opposizione); negli altri paesi nove (sei di maggioranza e tre di opposizione).

Silvana Fenocchio
Enrico Fonte
Fabio Gallina
Livio Oggero