Giro d’Italia: Alba porta fortuna a Petacchi

È iniziata con un minuto di raccoglimento in ricordo di Pietro Ferrero e si è conclusa con la volata vincente di Alessandro Petacchi (vittorioso nel 2004 nella nostra città) la tappa Alba-Parma, seconda frazione del Giro d’Italia 2011, la più lunga della corsa rosa con i suoi 244 chilometri.

Prima del via, davanti a una gigantografia dell’imprenditore morto il mese scorso, il direttore del Giro, Angelo Zomegnan, ha ricordato Ferrero accanto alla maglia rosa Marco Pinotti. «Per 15 anni questa è stata la tua carovana», ha detto il patron della corsa ricordando che il ciclismo è stato lo sport che Pietro «ha amato più di qualsiasi altro». Poi, ricordando che lavoro e silenzio sono sempre stati i tratti distintivi della famiglia e dell’azienda, ha concluso: «Ti regaliamo un minuto di silenzio e poi torniamo a lavorare», aggiungendo: «Lui ci avrebbe detto: buon Giro».

Il ricordo doveroso dell’imprenditore – ciclista si è affiancato al clima di festa che caratterizza sempre le partenze di tappa, con grande folla nella zona del via e per le strade cittadine e villaggio di partenza affollato. Il rito della firma dei corridori è stato preceduto dalla “passerella” della madrina della corsa, l’attrice Cristiana Capotondi, e dalle premiazioni dei concorsi “Vetrine in rosa” e “I campioni (come noi) preferiscono la bici”, concorso di disegno rivolto alle scuole. La… maglia rosa per i negozi è stata assegnata ex aequo a: Marino Dellapiana (piazza Savona), Mister Manera (via Cavour) e Magazzini Pace (piazza San Francesco). Tra i circa 500 disegni scolastici pervenuti al Comitato di tappa, la scelta della giuria è caduta su quelli di: Matteo Ardito (quinta A scuola “Coppino” di Alba), Lara Astegiano (seconda E “Montessori” Alba), Daniel Torrero (terza D “Montessori”), Noemi De Luca (quinta G Monticello), Valentina Dellapiana (seconda A “Rodari” Alba), Martina Dotta (quinta B “Coppino” Alba), Francesco Fauzia (quinta C “Coppino” Alba), Eleonora Ferrero (prima A “Coppino” Alba), Federico Lorenzetti (terza B “Coppino” Alba), Beatrice Nicolino (quarta D “Coppino” Alba), Iris Pintori (seconda C “Rodari”) e Alberto Toppino (quinta D “Coppino” Alba).

 

Domenico Pozzovivo, corridore di Policoro, e l’albese
Gianni Mercorella

La tappa Alba-Parma è vissuta sulla lunghissima fuga del tedesco Lang, che ha preso il largo subito dopo il via e si è arreso a pochi chilometri dal traguardo, dopo aver conquistato la maglia verde sull’ascesa di Tabiano Castello. Il prevedibile arrivo allo sprint ha premiato Petacchi davanti a Cavendish, che ha indossato la maglia rosa. Il Piemonte ritroverà il Giro il 27-28 maggio, con l’arrivo a Macugnaga e la tappa tutta piemontese Verbania-Sestriere prima dell’epilogo del 29 a Milano.

c.o.