Sugliano: non mi aspettavo una vittoria così netta

La recente tornata elettorale non ha mancato di riservare sorprese. Alla vigilia, si attendeva uno scontro alla pari tra il sindaco Piero Sugliano e l’ex primo cittadino Francesco Biscia. Invece, la sfida è stata a senso unico, visto che Sugliano ha inflitto al diretto avversario un divario di ben 92 preferenze. Biscia, comunque, ha conquistato tutti e tre i seggi disponibili per l’opposizione, in quanto il terzo candidato, Giovanni Solari, con sole quattro preferenze totali, non è riuscito a raggiungere il quorum necessario per approdare in Consiglio comunale.

Felice per il largo consenso, Sugliano ha dichiarato: «Ringrazio i tanti cittadini che ci hanno accordato la loro fiducia. Non mi aspettavo un risultato così netto che, oltre a confermare la bontà del lavoro svolto, ci stimolerà a ripartire con grande entusiasmo. Nelle piccole realtà come la nostra gli elettori preferiscono premiare le persone piuttosto che un ideale politico. È risultata efficace la nostra scelta di attuare una campagna elettorale dai profili bassi e, soprattutto, slegata dalla politica».

Il Sindaco non lascia trapelare nulla su chi ricoprirà il ruolo di assessore e sulla data del primo Consiglio comunale, maè già proiettato sui prossimi obiettivi dell’Amministrazione: «Vogliamo continuare il discorso avviato nei cinque anni passati, puntando a migliorarci il più possibile. Ci piacerebbe che la minoranza collaborasse come ha fatto quella dell’ultima legislatura».

Sconfitto, ma desideroso di contribuire alla crescita di Pezzolo, Biscia ha affermato: «Il programma era valido, ma evidentemente gli elettori hanno ritenuto opportuno scegliere quello presentato dal gruppo di Piero Sugliano e ne prendiamo atto con serenità. Faremo un’opposizione all’insegna del buon senso. Speriamo che la maggioranza possa operare bene, favorendo lo sviluppo del paese. Mi spiace che in Consiglio non possa esserci anche Giovanni Solari, il quale sicuramente avrebbe potuto offrire nuovi spunti».

Solari, dovrà attendere altri cinque anni per ritentare l’avventura amministrativa. Nel frattempo, comunque, non starà con le mani in mano: «Speravamo di ottenere qualche voto in più e di conquistare un seggio in Consiglio comunale, ma purtroppo è andata male. In ogni caso, la nostra esperienza non si esaurisce qui. Siamo disponibili a collaborare e nel mio gruppo ci sono persone motivate e desiderose di impegnarsi per Pezzolo. Speriamo di poterci confrontare con l’Amministrazione su progetti concreti».