Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Olimpiadi, festa per i giovani

Con le Olimpiadi delle città gemelle Alba fa tredici. Quella in programma in città dal 27 al 31 luglio è l’edizione dal numero più scaramantico e sotto le torri ci si sta preparando al meglio per accogliere e far gareggiare i giovani atleti di sette città europee: Alba, Bergama (Turchia), Böblingen (Germania), Glenrothes (Scozia), Krems (Austria), Pontoise (Francia), Sittard- Geleen (Olanda).

A lanciare l’idea di una competizione sportiva giovanile tra le sue città gemelle fu Böblingen (Germania) che ospitò la prima edizione nel 1978; da allora, ogni tre anni (più o meno), le gemelle hanno ospitato l’evento. Alba ha iniziato a partecipare nel 1984 e ha organizzato l’edizione del 1989 e dopo ventidue anni si torna sotto le torri, per una edizione preparata con cura da parte del Comune di Alba, facendo attenzione alla spettacolarità dell’evento, in modo da lasciare ottimi ricordi a tutti i partecipanti ma allo stesso tempo con l’obiettivo di contenere i costi in un periodo in cui le casse pubbliche “piangono”. Anche per questo si è preferito limitare gli sport a quelli praticati in città, lasciando da parte specialità ben seguite nelle altre città quali la pallamano e l’hockey ma che ad Alba non hanno seguito. Infine si è anche deciso di non estendere, come invece avvenne nel 1989, la partecipazione alle città gemellate con Alba ma non con Böblingen.

In città si inizia a respirare il clima olimpico. Allo striscione affisso sul balcone del Comune che da tempo ricorda agli albesi l’appuntamento si sono aggiunti, in questi ultimi giorni, manifesti e bandiere nelle principali vie cittadine; poi il Comitato organizzatore, guidato dall’assessore allo sport albese Olindo Cervella, dopo mesi di duro lavoro, presenterà l’evento albese nel corso di una conferenza stampa convocata per mercoledì 20 luglio, alle 18, presso la Sala dello sport di via Manzoni 8, dando l’appuntamento per mercoledì 27 luglio, a partire dalle 20, in piazza del Duomo, per la cerimonia di apertura, con le delegazioni che sfileranno da piazza Savona, lungo via Maestra.

Le gare occuperanno per intero le giornate di giovedì, venerdì e sabato con prove di atletica, badminton, basket, calcio, judo, karate, nuoto, pallavolo, tennis e tennis tavolo. Si giocherà nei due palazzetti (via Dalla Chiesa e corso Langhe), nelle palestre di via Fratelli Ambrogio, via Pietro Ferrero, via San Pio V; poi al centro sportivo Böblingen di via Bubbio, negli stadi “Coppino” e “Manzo”, sui campi da tennis del Gsr Ferrero e nella piscina di San Cassiano.

Il Comitato organizzatore ha pensato a tutto: gli atleti stranieri alloggeranno in cinque scuole cittadine (Sacco, Coppino, Macrino, Montessori e Rodari) trasformate in dormitori, mangeranno alla mensa comunale, viaggeranno sui bus speciali che attraverseranno le vie cittadine con un percorso che tocca tutti i punti olimpici. Non mancheranno le occasioni di divertimento con le serate, soprattutto musicali, organizzate alla Zona H.

Il centro organizzativo, invece, sarà nella nuova sala dello sport, allestita da qualche mese in via Manzoni, nei locali un tempo occupati dal “Centro studi Fenoglio”. Da qui verrà aggiornato anche il sito Internet delle Olimpiadi: www.alba2011.it, che già ora riporta le principali informazioni per i partecipanti e per il pubblico. Nelle pagine di questo speciale presentiamo atleti e squadre che difenderanno i colori cittadini, completando il discorso olimpico sul prossimo numero di Gazzetta.

Giulio Segino