Premio ai giovani imprenditori

Un consulente esperto a disposizione di tutti coloro che hanno intenzione di avviare una nuova attività commerciale, turistica e di servizi, in particolare gli under 40.

È questo il cuore del progetto avviato nelle settimane scorse dal Gruppo giovani imprenditori Confcommercio della provincia di Cuneo, presieduto dal braidese Lino Mollo. Un’iniziativa che è valsa al Gruppo cuneese un prestigioso riconoscimento da parte del Gruppo nazionale giovani imprenditori di Confcommercio. Alcuni giorni fa, infatti, durante l’annuale forum di Venezia, il presidente nazionale dei giovani di Confcommercio Paolo Galimberti ha conferito a Lino Mollo il premio per il miglior Gruppo giovani imprenditori a livello nazionale.

«Il nostro obiettivo», spiega il presidente Mollo, recentemente confermato ai vertici dell’associazione Brain, «è quello di dare ai giovani un punto di riferimento capillare, un elemento in grado di affiancarli e agevolarli».

Presso questi sportelli, situati nelle sedi delle Ascom territoriali di Confcommercio, i novelli imprenditori troveranno personale esperto che li accompagnerà passo passo nell’apertura dell’esercizio, sia sotto il profilo burocratico che per quanto concerne l’accesso al credito, evidenziando le opportunità presenti nel settore, come la partecipazione a eventuali bandi indetti dalla Regione o dalla Camera di commercio, per poi seguirli anche successivamente.

Si tratta di un supporto essenziale per superare, senza traumi dovuti all’inesperienza o alla mancata conoscenza delle opportunità previste, le difficoltà legate all’avvio di nuove attività commerciali o a un passaggio generazionale di un’azienda già esistente.

Presso le Ascom territoriali, i nuovi sportelli sono già operativi negli orari d’ufficio. Ma in prospettiva il progetto avrà anche una valenza più sistematica: «I consulenti incaricati dei diversi sportelli presenti sul territorio, infatti», aggiunge Lino Mollo, «si riuniranno regolarmente per mettere in Comune esperienze ed esigenze, nonché per elaborare progetti a sostegno dei giovani imprenditori. Il nuovo soggetto, inoltre, dovrà fungere da tramite con i vertici di Confcommercio». In altre parole, la voce dei giovani imprenditori vuole ora farsi sentire in modo deciso all’interno di Confcommercio. Ogni anno, infine, grazie alle segnalazioni effettuate dai responsabili dei diversi sportelli, verrà individuato e premiato il miglior Giovane imprenditore della provincia.

Roberto Buffa