«I canalesi pagheranno 1.070.000 euro in più»

Il punto principale all’ordine del giorno, discusso durante il Consiglio comunale, mercoledì 22 febbraio, è stato il bilancio di previsione 2012 che pareggia in 5.004.310 euro. Le entrate di parte corrente ammontano a 3.221.572 euro. Il gettito previsto dalla nuova imposta di soggiorno, approvata durante la seduta, è di 20.000 euro.

L’Imposta municipale unica (Imu), che incide per il 30,11% sul totale delle entrate correnti, dovrebbe portare nelle casse comunali 970.000 euro, un introito superiore di 200.000 euro rispetto al gettito Ici incassato dal Comune nel 2011.

L’aliquota base è 0,76%, ridotta per l’abitazione principale e le relative pertinenze allo 0,4% e allo 0,2% per fabbricati rurali a uso strumentale. È prevista una detrazione di 200 euro per l’abitazione principale. L’imposta sulla pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni prevede un introito di 29.000 euro, mentre la tassa per l’occupazione di spazi e aree pubbliche di 49.000 euro.

Lo stanziamento in bilancio per la Tassa sullo smaltimento dei rifiuti solidi urbani è di 662.000 euro.

L’addizionale comunale all’Imposta sul reddito delle persone fisiche prevede un gettito di 425.000 euro. L’aliquota nell’anno precedente era di 0,60%, mentre ora è stata differenziata per scaglioni di reddito: fino a 15.000 euro aliquota allo 0,60%, fino a 28.000 euro a 0,70%, sino a 55.000 euro allo 0,77%, fino a 75.000 euro allo 0,78%, e per i redditi che superano i 75.000 euro, allo 0,80%. Nel bilancio sono previsti 640.000 euro di trasferimenti dello Stato e 71.856 euro da Regione e altri enti pubblici.

In merito alle spese di parte corrente la cifra più alta, che incide per il 27,77% è relativa a funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo (894.747 euro), a seguire le funzioni riguardanti la gestione del territorio e dell’ambiente per il 21,78% (701.596 euro), viabilità per il 13,48% (434.336 euro), istruzione pubblica per il 9,20% (296.305 euro), settore sociale per il 9,09% (292.935 euro). I 150.000 euro derivanti dai permessi di costruire, verranno utilizzati per manutenzione straordinaria di fabbricati (70.000 euro) e di vie e piazze (80.000 euro).

Sono previsti poi 30.000 euro provento delle concessioni cimiteriali, 818.602 euro da trasferimenti regionali, 438.602 dei quali saranno usati per la realizzazione del Centro benessere, 200.000 euro per la manutenzione straordinaria del fabbricato adibito a istruzione, 100.000 euro per interventi di gestione del territorio e 80.000 euro per gli impianti sportivi: si aggiungeranno 320.000 euro da mutui, 314.136 euro da trasferimenti in conto capitale da imprese e 150.000 euro da avanzo di amministrazione.

«Il nostro gruppo», ha sottolineato Marco Monchiero, capogruppo di minoranza, «si è astenuto dalla votazione sul bilancio poiché lo schema presentato all’assemblea permette di valutare solo la quantità delle entrate e delle uscite e non la loro qualità: ciò può indurre a errate valutazioni. Ad esempio, da un’analisi superficiale parrebbe che le difficoltà di finanziamento del nostro Comune non siano così grandi dal momento che le entrate correnti diminuiscono solo del 2%. Ma se analizziamo i capitoli delle entrate con l’occhio del cittadino che deve pagare arriveremo a una conclusione ben diversa.

Con l’introduzione dell’Imu i canalesi dovranno sborsare circa un milione di euro in più rispetto a quanto pagato per l’Ici del 2011. A questo va aggiunto un incremento dell’addizionale Irpef e dalla Tassa rifiuti per altri 70.000 euro. Questi sacrifici sono imposti dalle manovre economiche del Governo ma, per la loro grandezza, sarebbe stato doveroso dare ai gruppi consiliari la possibilità di conoscere come i singoli capitoli di entrata e di spesa si fossero formati, attraverso l’istituzione di una apposita commissione consiliare».

e.c.