Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Autostrada: l’ora è giunta

TRASPORTI. Si terrà nella mattinata di giovedì 19 aprile, a Roma, la Conferenza dei servizi che dovrebbe dare il “la” alla riapertura dei cantieri sull’autostrada Asti-Cuneo. La firma spetta a Governo, Regione e concessionario ma al tavolo siederanno anche la Provincia e i Comuni interessati dal lotto 2.6 Alba-Cherasco. L’Esecutivo guidato da Gianna Gancia sosterrà, come già fatto nella seduta di un mese fa, le istanze presentate dal Comune di Alba e farà sì che tra gli interventi per il miglioramento della strada provinciale 7 venga anche inserito il progetto per la costruzione della variante di Pollenzo, ovvero il collegamento tra il ponte sul Tanaro e la braidese via Nogaris.

Contattato da Gazzetta, il vicepresidente della Provincia Giuseppe Rossetto ha lasciato trasparire un cauto ottimismo in merito all’esito della conferenza, che, se tutto filerà per il verso giusto, dovrebbe portare all’approvazione definitva del progetto preliminare del lotto 2.6 di quasi 800 milioni di euro e delle opere complementari di altri 100 milioni. Nel caso in cui la delegazione piemontese dovesse ritornare dalla Capitale con un risultato positivo, la progettazione dell’Asti-Cuneo potrebbe riprendere slancio e, in poco tempo, si dovrebbe giungere alla redazione e all’approvazione – questa volta senza la necessità di passare attraverso una Conferenza dei servizi – del progetto esecutivo. Se così sarà i lavori potrebbero riprendere prima dell’inverno.

 

e.f.