La Provincia fa… 28. Nell’Albese lavori per otto milioni di euro

Nei giorni scorsi, la Giunta della Provincia di Cuneo ha approvato lo schema del bilancio di previsione per l’esercizio finanziario 2012. Il documento, per divenire esecutivo, dovrà essere approvato dal Consiglio provinciale entro il 30 giugno. Gazzetta ne ha parlato con il vicepresidente della Provincia Giuseppe Rossetto.

Che bilancio sarà?

«Il pareggio verrà raggiunto a 163 milioni 908 mila euro, cifra che, pur potendo ancora crescere mediante successive variazioni, non potrà raggiungere i quasi 250 milioni di euro di tre anni fa».

Come mai la contrazione?

«I contributi statali provenienti dal Fondo sperimentale di riequilibrio, nel 2012, subiranno una diminuzione rispetto al 2011 di 5 milioni 693 mila euro, mentre i trasferimenti previsti dal Fondo unico regionale verranno decurtati di 2 milioni di euro. Poi c’è il Patto di stabilità, che si fa sempre più stringente. Auspichiamo un intervento della Regione, la quale, secondo le previsioni, potrebbe “allargare” il Patto degli enti locali di circa 100 milioni di euro, con un beneficio per noi di 5 milioni».

In che modo ovvierete?

«Ridurremo le spese, tra cui quelle per il personale che abbiamo ipotizzato ammontare a 25.647.000 euro, con un risparmio di 941 mila euro. Non contrarremo nuovi mutui, facendo diminuire l’indebitamento della Provincia dai 178.807.344 euro del 2011 ai 153.537.344 euro previsti per la fine del 2014. Le imposte a carico dei cittadini sull’assicurazione dell’auto e sulla trascrizione degli autoveicoli non verranno incrementate. Alcune opere pubbliche saranno finanziate con i 5.640.000 euro finanziati dal Ministero dell’ambiente, i circa 12 milioni di euro messi a disposizione dalla Regione, i 700 mila euro della fondazione Crc e i 500 mila euro dell’Aipo».

Quali opere pubbliche prevedete di realizzare nella zona di Alba, Langhe e Roero?

«Per quanto concerne la viabilità, l’adeguamento della strada provinciale 661 per il miglioramento dei collegamenti delle aree albese e braidese ai caselli di Alba Ovest e Cherasco (1.800.000 euro), la messa in sicurezza delle aree dissestate di Santa Vittoria (1 milione) e di La Morra e Barolo (600 mila), la parziale ricostruzione del ponte sul rio Argentella tra Monforte e Dogliani (250 mila), il rinforzo del viadotto di Santo Stefano Belbo (170 mila), il ripristino del movimento franoso a Neviglie (100 mila), la messa in sicurezza dell’innesto della sp 592 con l’abitato di Cossano Belbo (100 mila). Nel campo dell’edilizia spiccano il completamento della ristrutturazione dell’ex caserma Govone di Alba (1.800.000) per il Liceo artistico, l’adeguamento sismico del medesimo fabbricato (227 mila), l’adeguamento normativo del “Piera Cillario Ferrero” di Alba (2° lotto, 280 mila) e dell’Istituto d’arte bianca di Neive (1° lotto, 200 mila)».

Enrico Fonte