1 MILIONE di nuovi interventi

LAVORI PUBBLICI Cantieri, avanti tutta. In seguito alla firma sul decreto ministeriale che riconosce Alba Comune virtuoso e che di conseguenza azzera, per l’anno in corso, il Patto di stabilità interno, sbloccando di fatto circa 2 milioni e 600 mila euro, le opere pubbliche possono riprendere slancio. La Giunta comunale – prendendo atto della firma sul decreto di virtuosità – ha approvato un documento con il quale viene liberato dal bilancio circa 1 milione di euro per «avviare alcune opere di manutenzione urgenti», come le ha definite l’assessore alle finanze Franco Foglino, il quale ha spiegato che, grazie al riconoscimento di virtuosità, questa operazione non verrà considerata come uno sforamento del Patto.

 Come verranno investite le risorse? Ecco le novità anticipate dall’assessore ai lavori pubblici Paolo Minuto. 240 mila euro verranno impiegati per potenziare e rendere più sicura la rete di piste ciclabili e, in particolare, per realizzarne un tratto in corso Canale, dove al momento non sono presenti corsie per i ciclisti. Altri 10 mila euro serviranno per adeguare le colonnine di bike sharing al nuovo sistema di pagamento. 170 mila euro saranno investiti per l’asfaltatura di diversi tratti di strade comunali e altri 130 mila euro permetteranno al Comune di concretizzare un primo lotto d’interventi di riqualificazione sui marciapiedi di corso Cortemilia, nella zona compresa tra la chiesa della Moretta e l’incrocio con strada Croci. Con 50 mila euro verrà realizzato un passaggio pedonale tra via Balbo e strada Cauda. Una cifra identica servirà per il completamento di una parte di via Vivaro e altri 50 mila euro saranno utilizzati per potenziare la rete di illuminazione pubblica, in particolare in prossimità degli attraversamenti pedonali. Infine, tra gli interventi più rilevanti, figura quello da 45 mila euro per l’ampliamento della strada che conduce in località Biglini, nei pressi della rotonda principale. Per quanto concerne i tempi di esecuzione degli interventi, i primi a essere concretizzati saranno quei lavori già appaltati che per colpa del Patto non si erano potuti avviare. Per gli altri occorrerà completare l’iter di assegnazione, ma i tempi dovrebbero essere piuttosto brevi.

L’Esecutivo guidato da Maurizio Marello, speranzoso in una regionalizzazione del Patto che garantirebbe un ulteriore bonus di spesa, dovrà ora decidere a quali settori destinare gli altri fondi liberati dal decreto di virtuosità, ovvero 1 milione e 600 mila euro. L’assessore Foglino ha affermato che anche questa somma sarà spendibile soltanto nel campo degli investimenti e non per il sociale, che rientra tra le spese correnti. «La valenza sociale sta nel fatto che, investendo queste risorse, si apriranno cantieri e si darà nuovo lavoro agli albesi», ha sottolineato Foglino, aggiungendo: «Le opportunità di spesa non ci mancano. La Giunta prenderà una decisione dopo aver preso in esame le necessità segnalate da ogni ripartizione», ha concluso Foglino.

 Enrico Fonte