Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Collisioni The wind soffia su Barolo

Musica e letteratura. E cinema. E impegno civile. Giovani e star, locale e internazionale. Collisioni catalizza tutto questo a Barolo per la prima volta; le prime tre edizioni furono a Novello. La rassegna vivrà da venerdì 13 a domenica 15 luglio, con il botto finale affidato a Bob Dylan lunedì 16, per il concerto – unica data italiana – andato esaurito in una manciata di giorni di prevendita. La formula, che tanto continua ad appassionare, prosegue il suo confronto tra generi e generazioni diversi. Una commistione che cambia nell’estetica – con Valerio Berruti a disegnare il logo, come per la prima edizione – ma non nello spirito. Ai giovani viene affidata una parte importante, a iniziare dai due premi, per il cinema, a Carlo Verdone, e per la musica, a Zucchero Sugar Fornaciari. Entrambi gli incontri avranno un risvolto letterario. Il cineasta porterà – nell’incontro di domenica 15 luglio alle 18.30 – il proprio esordio letterario La casa sopra i portici come spunto per affrontare il tema Che fine ha fatto la commedia all’italiana. «L’intervento sarà dedicato a un tema del cinema di casa nostra che si è un po’ perso, rispetto ai tempi d’oro della nostra tradizione, quella degli Alberto Sordi, dei Federico Fellini, personaggi assidui nella casa di famiglia Verdone», dice Paola Eusebio, una delle “motrici” dell’organizzazione e responsabile del Progetto giovani. Altra voce della cinematografia italiana sarà Pupi Avati che parlerà di «cinema, vita, sogni e illusioni» domenica con Francesco Alò ed Emilio Targia.
Zucchero verrà premiato il giorno precedente, sabato, alle 20. «Si è appassionato alla possibilità di dialogare con i giovani», spiega Paola. Il bluesman ha pubblicato anch’egli un’autobiografia, Il suono della domenica, libro scritto partendo dalle radici: una famiglia umile in un paese piccolo, come Barolo».

Lo spazio dedicato alla musica – interpretata e “parlata” – avrà altre icone: Patty Smith su tutti, poi Boy George, mito degli anni Ottanta, i Subsonica. La “sacerdotessa” del rock terrà un incontro alle 17 di sabato con Piero Negri Scaglione, grande esperto di musica originario di Alba, dedicato, con la presentazione del suo ultimo disco Banga, al rapporto tra la composizione di canzoni e di poesia. Il concerto, alle 22.30, sarà preceduto alle 21 dall’esibizione di Vinicio Capossela.

I momenti di approfondimento inizieranno da venerdì, alle 15.30, con l’incontro tra il Procuratore aggiunto di Torino e Anna Pavignano, autrice di In bilico sul mare, opera sugli «invisibili che perdono la vita lavorando». Parteciperà il presidente dell’Associazione nazionale mutilati e invalidi, Franco Bettoni. Alle 18.30 i direttori di due quotidiani, Ezio Mauro e Mario Calabresi, illustreranno, con Antonio Armano, le figure di maestri del giornalismo italiano.

E se Luis Sepúlveda sarà presente solo con un suo scritto, letture e incontri con libri e autori avranno momenti forti grazie a Niccolò Ammaniti (sabato alle 15 reading della raccolta di racconti Il momento è delicato) Don DeLillo (alle 15.30 con Antonio Scurati per la presentazione di Cosmopolis), Luciana Littizzetto con David Sedaris, gli islandesi Eva Mínervudóttir e Marteinn Thorsson, Paolo Crepet, l’esperto d’arte Philippe Daverio, Valerio Massimo Manfredi. Il programma completo è su www.collisioni.it.

p.r.

Il Progetto giovani, creatività e partecipazione

Degli ospiti celebri, e Collisioni ne presenta tanti, molto si è scritto e quasi tutti quelli che arriveranno a Barolo ne hanno un’idea personale. Ma un punto di forza della tre giorni – il quarto sarà dedicato a Dylan e a coloro che hanno avuto la fortuna (e la rapidità) di trovare un biglietto – è la presenza dei giovani. “Nostrani” e foresti, artisti e volontari: in tutto sono trecento, da ogni angolo della penisola. Sessanta band musicali, venti compagnie di teatro (“classico” e “di strada”), studenti di architettura per le installazioni artistiche. E questa volta anche un bosco, animato dalle performance di Marco Cazzato e dai writers arruolati da Arteybarbieria e dalla Pro loco di Bergolo. I «ragazzi si sono proposti in massa», racconta Paola Eusebio. «Tra questi, per esempio, sei sono di Bergamo, e hanno creato una televisione web dell’Università. Molti altri sono arrivati attraverso associazioni con le quali collaboriamo da anni. Il Cinema vekkio ha creato dei gruppi di lavoro per sostenere e coordinare i giovani musicisti e la quarantina di attori. Stiamo selezionando le domande dei ragazzi che verranno proposte a Zucchero e Carlo Verdone nell’ambito della consegna dei rispettivi premi».

Tra gli spazi dedicati, anche l’incontro con i Subsonica, a quindici anni dal debutto della band torinese: a mezzogiorno di sabato i musicisti – reduci dal concerto della notte precedente, alle 22.30, unica data piemontese e ligure – dialogheranno con Bruce Sterling e la platea dei giovani. Un significato particolare avrà anche la Messa celebrata da don Luigi Ciotti domenica, alle 10.30, con il sacerdote salesiano don Silvio Mantelli (il mago Sales). Lo psichiatra e saggista Paolo Crepet dedicherà ai giovani la lezione sull’amicizia, in programma per domenica. Sempre domenica avrà un sapore particolare l’intervento di don Andrea Gallo (domenica alle 18.30 con Moni Ovadia, prima del concerto di quest’ultimo). Progetto giovani ha significato anche, in collaborazione con Scrittori in città, un concorso per giovani autori, cinquanta dei quali ospitati da Collisioni. I migliori cinque testi saranno pubblicati da Gazzetta.

Il programma in breve

Venerdì 13 luglio

  • Ore 15.30: Raffaele Guariniello dialoga con Anna Pavignano.
  • Ore 17: Lella Costa dialoga con Richard Mason. Alla ricerca del piacere.
  • Ore 18.30: Ezio Mauro dialoga con Mario Calabresi. Maestri di cronaca
  • Ore 21: Michele Dalai e Claudio Coccoluto. Tutte le mie cadute. Techno reading
  • Ore 22.30: Subsonica in concerto

Sabato 14 luglio

  • Ore 10.30 – Vauro dialoga con David Riondino. Il respiro del cane
  • Ore 12: Subsonica in dialogo con Bruce Sterling
  • Ore 14: Niccolò Ammaniti. Il momento è delicato. Reading
  • Ore 15.30: Don DeLillo presenta Cosmopolis. Interviene Antonio Scurati
  • Ore 17: incontro con Patti Smith. Interviene Piero Negri Scaglione
  • Ore 18.30: Luciana Littizzetto dialoga con David Sedaris. Reading “Dentisti senza frontiere”
  • Ore 20: Zucchero “Sugar” Fornaciari. Premio giovani per la musica
  • Ore 21: Vinicio Capossela in concerto. Ballate
  • Ore 22.30: Patti Smith and her band in concerto
  • Ore 1: Claudio Coccoluto dj set

Domenica 15 luglio

  • Ore 10.30: Incontro con Eva Mínervudóttir e Marteinn Thorsson. Modera Federica Demaria
  • Ore 10.30: Messa con don Luigi Ciotti e don Silvio Mantelli
  • Ore 11.30: Paolo Crepet. Sull’amicizia
  • Ore 14: Pupi Avati. Una sconfinata giovinezza. Intervengono Francesco Alò ed Emilio Targia
  • Ore 15.30: Valerio Massimo Manfredi, Hotel Bruni
  • Ore 17: Philippe Daverio. Il vino tra ebbrezza e rappresentazione
  • Ore 17.30: Don Andrea Gallo e Moni Ovadia
  • Ore 18.30: Carlo Verdone. Premio giovani per il cinema. Che fine ha fatto la commedia all’italiana
  • Ore 20.30: Boy George. Un alieno ordinario. Interviene Pierfrancesco Pacoda
  • Ore 20.30: Enzo Cinaski e Alessandro Mannarino. Costretti alla Gloria. Reading in musica
  • Ore 21.30: Moni Ovadia in concerto. Senza confini
  • Ore 24: Boy George. Dj set

Lunedì 16 luglio

  • Ore 21.15: Bob Dylan and his band in concerto