Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Un anno lungo 13 mesi

Presentato il calendario degli appuntamenti per la celebrazione dell’Anno della fede

«La Porta della fede che introduce alla vita di comunione con Dio e permette l’ingresso nella sua Chiesa è sempre aperta per noi».  Con questa eloquente immagine, tratta dal libro degli Atti degli Apostoli, Benedetto XVI ha introdotto la sua Lettera per indire l’Anno della fede e soprattutto per comunicare che vuole essere un anno di grazia, un dono che Dio offre a tutta l’umanità; un impegno della Chiesa perché chi già crede faccia un salto di qualità nella propria crescita cristiana e quanti vivono nella lontananza da Dio possano sentire la nostalgia di poterlo rincontrare.

Le proposte pastorali indicate sono articolate su quattro livelli: Chiesa universale, Conferenze episcopali, Diocesi, Parrocchie. Il Papa intende mettere al centro dell’attenzione ecclesiale quanto gli sta più a cuore, fin dall’inizio del suo Pontificato: l’incontro con Gesù Cristo e la bellezza della fede in lui. La Chiesa è ben consapevole dei problemi che oggi la fede deve affrontare e sente quanto mai attuale la domanda che Gesù stesso ha posto un giorno: «Il figlio dell’uomo, quanto tornerà, troverà ancora la fede sulla terra?».

Dopo l’Anno paolino e l’Anno sacerdotale, Benedetto XVI ha “deciso di indire un Anno della fede”, nell’occasione del 50° anniversario dell’inizio del Concilio Vaticano II e del 20° della pubblicazione del Catechismo della Chiesa cattolica, con l’impegno della «riscoperta e lo studio dei contenuti fondamentali della fede… per aiutare tutti i credenti in Cristo a rendere più consapevole e a rinvigorire la loro adesione al Vangelo, soprattutto in un momento di profondo cambiamento come quello che l’umanità sta vivendo».

Gli eventi fondamentali di carattere universale celebrati a Roma con il Papa.

Si inizia giovedì 11 ottobre 2012, con la Messa in piazza San Pietro, concelebrata insieme con i Padri sinodali, i presidenti delle Conferenze episcopali e i Padri conciliari ancora viventi. Tutte le Diocesi sono invitate a unirsi a questo momento inziale.
Domenica 21 ottobre, canonizzazione di sei martiri e confessori della fede. Venerdì 25 gennaio 2013, celebrazione ecumenica nella Basilica di San Paolo. Sabato 2 febbraio, celebrazione in San Pietro per tutte le persone che hanno consacrato la loro vita al Signore. Domenica 24 marzo, Festa delle palme: celebrazione dedicata ai giovani, in preparazione alla Gmg di Rio de Janeiro (23-28 luglio). Domenica 28 aprile, giornata dedicata ai ragazzi e ragazze che hanno ricevuto il sacramento della Confermazione.
Domenica 5 maggio, giornata dedicata alla pietà popolare, che trova una sua particolare espressione nelle Confraternite. Sabato 18 maggio, vigilia di Pentecoste, giornata dedicata a tutti i movimenti, con il pellegrinaggio alla tomba di Pietro. Domenica 2 giugno, festa del Corpus Domini: solenne adorazione eucaristica contemporanea nelle Cattedrali di ogni Diocesi e in tutte le chiese del mondo. Domenica 16 giugno, giornata dedicata alla testimonianza del Vangelo della vita.
Domenica 7 luglio, conclusione in San Pietro del pellegrinaggio di seminaristi, novizie e di quanti sono in cammino vocazionale. Domenica 29 settembre, giornata dei catechisti, con particolare memoria del 20° anniversario del Catechismo della Chiesa cattolica. Domenica 13 ottobre, giornata per tutte le realtà mariane. Domenica 24 novembre, solenne celebrazione conclusiva dell’Anno della fede.
È annunciata per settembre la pubblicazione di un sussidio pastorale, Vivere l’Anno della fede, finalizzato ad approfondire i contenuti del Credo. Ulteriori informazioni e aggiornamenti si possono trovare nel nuovo sito: www.annusfidei.va.

Giovanni Ciravegna

Il disegno-simbolo rappresenta una barca, immagine della Chiesa, in navigazione sui flutti appena accennati. L’albero maestro è rappresentato da una croce che issa delle grandi vele le quali, con dei segni dinamici, realizzano il trigramma di Cristo (IHS, Jesus hominis salvator). Sullo sfondo è rappresentato il sole che, associato al trigramma, richiama anche l’Eucaristia.