Luci d’artista a Torino, un sogno realizzato per Valerio Berruti

ARTE Da quindici anni le Luci d’artista illuminano piazze, vie e strade di Torino. La mostra diffusa, considerata punto di riferimento nel mondo dell’arte contemporanea, da quest’anno vedrà illuminarsi anche l’opera dell’artista albese Valerio Berruti. L’inaugurazione è sabato 3 novembre in via Accademia delle Scienze; le luci resteranno accese fino a fine gennaio.

«Sono molto felice», dice Berruti, «di essere stato selezionato per Luci d’artista: è un altro mio sogno che si avvera e che si aggiunge alla Biennale di Venezia, alla quale ho partecipato nel 2009. Ogni anno quando sono a Torino in inverno mi incanto ad ammirare le opere di Rebecca Horn, che ha colorato di blu il Monte dei Cappuccini o di Mario Merz, che illumina la mole antonelliana. Sono orgoglioso ci siano anche i miei bambini ad allestire la città».

Se si chiede a Berruti come è nata la sua opera la risposta è: «Ho immaginato il progetto pensando a una video- animazione, una tecnica a me molto cara che mi permette di trovare, pur in maniera sempre differen un punto di contatto con lo spettatore e l’ambiente circostante. A Torino saranno dieci i fotogrammi che si illumineranno in maniera alternata. Il protagonista è un bambino che si relaziona con lo spazio sottostante giocando con le auto come se fossero macchinine, ricordando ai passanti la necessità di sdrammatizzare. Mi piace l’idea che chi osserva le immagini sopra la propria testa possa seguirne i movimenti e intuire il gioco a cui è chiamato a partecipare».

E il titolo Ancora una volta «è una frase infantile che vorrei far uscire dalle bocche degli adulti, richiama il gioco. Un monito a prendersi meno sul serio e accorgersi di quel che accade intorno a noi». L’anno scorso in questo periodo Berruti esponeva a San Domenico ad Alba. Per la prossima mostra Berruti andrà «in Sud Africa ad inizio dicembre per una doppia mostra a Joahnnesburg e Cape Town. Lì l’elemento ricorrente delle mie opere sarà l’acqua, un tema fondamentale in quella zona del mondo».

Valerio Berruti parteciperà ad Artisti per l’autismo, rassegna organizzata dall’associazione Missione autismo per il 1° dicembre alla Casa del popolo di Asti. È prevista una lotteria per finanziare un centro dove i bambini e i ragazzi autistici possano essere sostenuti da percorsi specializzati. I biglietti con cui è possibile vincere l’opera di Berruti o degli altri artisti partecipanti costano due euro e possono essere acquistati anche a distanza rivolgendosi a Paola Bombaci, presidente dell’associazione (telefono 366-66.30.328; www.amaautismo.it).

e.g.