Laboratorio di Resistenza permanente alla fondazione E. di Mirafiore di Fontanafredda Prima serata venerdì 9 novembre con Gavino Sanna

La nuova stagione del Laboratorio di Resistenza permanente organizzato dalla fondazione E. di Mirafiore nasce dalle idee di coloro – organizzatori e pubblico – che hanno partecipato all’edizione passata (organizzatori e pubblico).  È prevista una ventina di presìdi a tutela di valori fondanti la convivenza civile e l’armonia sociale.

Il patrimonio lasciato in eredità dai partigiani e dall’antifascismo può essere smarcato dal contesto storico che lo produsse e trasportato nei nostri giorni, dilatando e conservando vivo il senso di Resistenza. È l’obiettivo del Laboratorio di Resistenza permanente: adeguare l’idea di Resistenza alle nuove battaglie e alle conseguenti possibilità di riscatto. Scrisse Lindo Ferretti in una canzone che la libertà è una cosa «difficile, mai data, che va sempre difesa, sempre riconquistata».

La fondazione Mirafiore propone, nel teatro all’interno della riserva bionaturale di Fontanafredda, a Serralunga, una serie di serate gratuite su prenotazione dal 9 novembre al 13 aprile alle 19. Il capitano, ossia il coordinatore di ogni presidio, terrà una lectio magistralis che si concluderà da un dialogo col pubblico e sarà seguita da una cena.

Programma
Il calendario inizia venerdì 9 novembre con Gavino Sanna, pubblicitario ed ex presidente di Young&Rubicam – La comunicazione sincera: spettacolo e servizio.

Sabato 17 novembre: Aldo Grasso, editorialista del Corriere della Sera – Il tradimento del servizio pubblico.

Sabato 24 novembre: Luca Sofri e Daria Bignardi, marito e moglie, giornalisti – Perché sono sempre l’ultimo a sapere le cose?-Del conoscere la verità, ignorarla, o averla sempre saputa.

Sabato 1° dicembre: Domenico Procacci, presidente e fondatore di Fandango – Il bel cinema: come coniugare i valori alti con il successo. L’intervento sarà seguito dalla proiezione del derby Juventus-Torino.

Sabato 8 dicembre: Lilli Gruber – L’ eredità di Lilli Gruber:una storia d’amore, una saga familiare, il dramma di una piccola patria nel grande vortice del ’900.

Sabato 15 dicembre: Franco La Torre, scrittore, figlio di Pio La Torre, deputato siciliano ucciso dalla mafia – Di libertà e di mafia, di progresso e di conservazione.

Sabato 22 dicembre: Aldo Cazzullo del Corriere della sera – L’Italia s’è ridesta.

Sabato 12 gennaio: Renata Polverini, La destra che vorrei. L’ex presidente del Lazio si confronterà con Oscar Farinetti.

Venerdì 18 gennaio: il cantautore Giangilberto Monti – Comicanti disperati guerrieri, lezione sulla canzone d’autore ironica, satirica e comica.

Sabato 19 gennaio: Flavio Tosi, sindaco di Verona, in un confronto con Oscar Farinetti su Meritocrazia e federalismo.

Sabato 26 gennaio: Claudia Mori, autrice e produttrice del Clan Celentano – La famiglia: la coppia è ancora la cosa più bella del mondo?

Venerdì 8 febbraio: Pietrangelo Buttafuoco, scrittore e giornalista – Lezione sul desiderio del bello: Il Saraceno che ci sarà, il Mediterraneo di sempre.

Venerdì 22 febbraio: Gino Strada, fondatore di Emergency – Un mondo senza guerre: è possibile?

Sabato 9 marzo: Mauro Pagani, musicista: La creatività: musica e vita.

Sabato 16 marzo: Michele Serra, editorialista di Repubblica – Ironia e autoironia: di questi tempi.

Sabato 23 marzo: Clara e Gigi Padovani, giornalisti e scrittori – Il cibo è memoria: storie del Buon Paese.

Venerdì 5 aprile: Giorgio Conte – Il vocabolario, l’onestà e la memoria.

È prevista una serie di lezioni ancora senza data. Gli ospiti saranno Alessandro Baricco, Marco Pannella, Gustavo Zagrebelsky, Renzo Arbore, Nichi Vendola, Eugenio Scalfari, Concita De Gregorio, Gianandrea Noseda, Ezio Mauro, Lucia Annunziata, Gino Paoli, Massimo e Milly Moratti. Per partecipare agli incontri è sufficiente prenotarsi sul sito www.fondazionemirafiore.it. Le serate saranno trasmesse in diretta streaming.