Le Notti della Natività: gran finale in Duomo

“Le notti della Natività” propongono sabato 22 l’esibizione di Antonella Ruggiero con l’Orchestra di “Alba music festival”. Domenica 23, piazza Risorgimento ospiterà l’Adorazione, con cori, canti e balli popolari, poesia dialettale in musica e rievocazione di antichi mestieri

Proseguono gli appuntamenti che animano i fine settimana del mese di dicembre. Organizzati dal Borgo di San Lorenzo, in collaborazione con la Regione Piemonte, la Città di Alba, l’Ente fiera del tartufo, la Banca d’Alba, l’associazione “Alba sotto le torri” aderente all’Associazione commercianti albesi, la fondazione Cassa di risparmio di Cuneo, la Giostra delle cento torri, l’ente turismo “Alba, Bra Langhe e Roero”, l’Egea e Gazzetta d’Alba, gli eventi riportano in scena “Le notti della Natività”, presepe vivente a episodi raccontato in chiave surrealista, attraverso spettacoli di danza, musica, arte circense e mise en scene teatrali.
«Quest’anno stiamo cercando di dare il meglio, pur con la difficoltà a reperire fondi che caratterizza questo periodo; siamo però molto felici perché in tanti ci stanno dando la loro collaborazione in vario modo e in base alle loro possibilità», spiega la presidente del Borgo di San Lorenzo Ines Manissero.
In particolare l’ultimo week-end prenatalizio sarà tutto incentrato sulla nascita di Gesù, a partire dalle rappresentazioni del pomeriggio.
Sabato 22, dalle 15, in piazza del Duomo, aprirà nuovamente il “Mulino di Mamma Natale”, punto di ristoro allestito in collaborazione con la Pro loco di Serralunga, che proporrà le friciule di mele, e con Babbo Natale pronto ad accogliere i bambini.
Alle 21 la Cattedrale di San Lorenzo ospiterà l’esibizione della celebre cantante Antonella Ruggiero, voce indimenticabile dei Matia Bazar, accompagnata dall’Orchestra dell’Alba music festival diretta dal maestro Giuseppe Nova, nel racconto musicale della Natività di Gesù a cura dell’attore Vincenzo Santagata.
La lettura dei brani del Vangelo inframmezzata dalla musica sarà inoltre corredata dalle coreografie a cura della scuola di danza Alballetto.
Anche questo, come gli altri eventi in programma, sarà a ingresso libero.

Domenica 23, alle 15, sarà rappresentato in piazza Duomo il quarto episodio delle “Notti della Natività”, l’Adorazione. Oltre all’apertura del “Mulino di Mamma Natale”, assisteremo alla trasformazione di Betlemme in un paese del vecchio Piemonte: attorno alla capanna della Sacra Famiglia ci saranno il coro Le voci nel vento, il cabaret e le canzoni dei Langhet Lovers, i racconti di Natalina, la poesia piemontese musicata da Barbara Borra e Michelino Settimo, i canti e i balli tradizionali dei Balacanta, gli antichi mestieri del Borgo dei Brichet e gli animali di “Cascina Zuccaro” di Vaccheria.
«Questo vuole essere un omaggio al Piemonte anche perché la Regione, in particolare l’assessore Alberto Cirio, ci è stata vicina sin dall’inizio e ha sostenuto l’iniziativa delle Notti della Natività», conclude Ines Manissero.
Adriana Riccomagno