Cirio: Non mi candido per serietà verso i piemontesi

La difficile gestazione delle liste in casa Popolo delle libertà (Pdl), tra paracadutati, limite di mandati, mantenimento degli incarichi elettivi in corso, si conclude con una notizia ad Alba inaspettata: l’assessore regionale Alberto Cirio decide all’ultimo di non candidarsi. Il politico albese spiega che la decisione è arrivata in seguito a un incontro a tu per tu con Silvio Berlusconi, avvenuto sabato sera a Roma. «Non nascondo che l’idea di ottenere un incarico politico a Roma, a 40 anni appena compiuti, fosse allettante, ma con il presidente Berlusconi si è deciso di essere seri fino in fondo e di continuare a ricoprire il ruolo nel quale, in questo momento, posso risultare più utile», ha dichiarato Alberto Cirio, il quale ha aggiunto: «Ho incarichi molto importanti in Regione e lasciarli, dopo appena metà legislatura, sarebbe stato poco serio, soprattutto nei confronti dei piemontesi che mi hanno dato la loro fiducia proprio perché potessi lavorare a stretto contatto con il territorio».

e.f.