Da Canelli alla Guinea: il viaggio umanitario di Bertola

Prosegue il viaggio umanitario per trasportare un’ambulanza carica di materiale sanitario (medicinali, un defibrillatore, una sterilizzatrice, una lampada per sala operatoria, lettini per visite, carrozzelle, scarpe ortopediche e computer) all’ospedale di Conakry, capitale della Guinea. La spedizione umanitaria è organizzata dal Cis (Cooperazione italiana solidarietà), l’associazione fondata a Canelli dal cardiologo Pier Luigi Bertola, che da anni lavora per portare attrezzature e medicinali in varie zone dell’Africa. Con Bertola, fanno parte della spedizione, Piero Riccio (segretario del Cis), l’ematologo Maurizio Gandini e il farmacista canellese Bruno Fantozzi.

A mezzogiorno di venerdì 18 gennaio, Bertola ha inviato qualche foto del viaggio e un breve aggiornamento: «Siamo in Mauritania, il tempo è bello. Dogana massacrante. Domani arriveremo nella capitale della Guinea. Intanto, dal prete a Nouadhibou abbiamo scaricato materiale sanitario e un calcio-balilla nuovo, oltre a farmaci, scarpe, indumenti. Sono poveri, ma contenti. Ieri ci siamo insabbiati sulla terra di nessuno, una zona molto pericolosa».

Il Cis, fondato a Canelli nel 1994, è un’associazione di volontariato rivolta a reperire materiale sanitario usato e non, trasportandoli direttamente in ospedali di paesi in guerra o colpiti da calamità naturali. I viaggi già effettuati hanno raggiunto Ruanda (durante la guerra tra il 1994 e il 1997), Burundi, Bosnia,  Kosovo, Libano, Armenia, Bielorussia, Nicaragua, Brasile, Albania, Macedonia, due volte in Georgia e in Sudan, Eritrea, Mauritania, Senegal e Malì.

Anche questa volta, il viaggio è reso possibile grazie all’aiuto di semplici volontari e aziende private. Ma non basta. Chiunque voglia fare una propria donazione, può versare l’importo sul conto corrente del Banco popolare di Canelli, utilizzando il codice Iban IT56S.05034.47300.00000.00204.52.

Fabio Gallina


Visualizza Il viaggio di Pier Luigi Bertola in una mappa di dimensioni maggiori