75 anni di carnevale

APPUNTAMENTI Il carnevale mussottese, organizzato dal circolo Acli Luigi Maiolo, presieduto da Giovanni Saglietti, con il patrocinio della città di Alba e con la collaborazione dei commercianti e artigiani mussottesi e delle zone limitrofe, giunge quest’anno alla settantacinquesima edizione. I festeggiamenti prenderanno il via domenica 10 febbraio a partire dalle 13.30 con la grande sfilata dei carri allegorici e dei gruppi mascherati, scortati dalla banda musicale La maglianese e dal Gruppo sbandieratori e musicisti del borgo di Santa Rosalia. La partenza è dal piazzale del santuario della Natività di Maria Santissima, si proseguirà per corso Canale con punto di ristoro al Rondò e si continuerà per corso Bra. Alle 15.30 l’allegro corteo giungerà sul piazzale del centro collaudi. Dopo la premiazione dei carri allegorici e dei gruppi mascherati, alle 16 sarà distribuita polenta e salsiccia. Lo spettacolo proseguirà con musiche e danze in piazza con la partecipazione del gruppo di ballo country Old wild west. Monsù Plaireu e madama Sarda, al secolo Roberto Brutto e Lidia Gavarino, nei loro eleganti costumi da cavaliere e dama ottocenteschi si stanno preparando in questi giorni per i tanti impegni che li vedranno protagonisti nel carnevale. Toccherà loro, come ogni anno, presiedere tutte le manifestazioni del gran carnevale di Mussotto, il più rinomato dell’albese.

IL PROGRAMMA

Martedì 12 febbraio alle 14.30 presso il piazzale gruppo sportivo Koala con il carnevale dei bambini, allietato da giochi, musiche, balli e sorprese con la simpatica partecipazione del gruppo Forforfan. Alle 15.30 spettacolo in “anteprima mondiale” del mago Bingo, dal titolo Bingo texas ranger con divertenti numeri di giocoleria, equilibrismo, contorsionismo e comicità e magia d’azione. Alle 16.30, invece, è attesa la distribuzione di polenta e salsiccia e galuperie varie. Sabato 16 febbraio alle 20.30 nel nuovo salone parrocchiale sarà di scena la “super china” di carnevale in maschera con oltre cinquecento ricchi premi per tutti e in particolare salsiccia, salami, dolci assortiti, bugie, bottiglie di vino, fiori e tanto altro ancora. La lotteria è gratuita per tutti i partecipanti, mentre si attendono tombole finali con premi deliziosi. Parte del ricavato andrà a sostenere i progetti di solidarietà del Circolo Acli.

Bruna Bonino

LA STORIA Come nacquero Sarda e Plaireu

La tradizione del carnevale mussottese ha radici lontane e gli stessi nomi delle maschere hanno una loro storia. Un tempo la frazione era divisa in due borghi: la Sarda, dal soprannome della titolare dell’albergo situato in loco di origine sarda, che comprende la zona vicino alla ferrovia, e il borgo Prarolo, vicino alla chiesa. Di qui i nomi delle due maschere, madama Sarda e monsù Plaireu. Tra gli abitanti non correva buon sangue a causa di vecchie ruggini che fomentavano continui litigi e canzonature. Fu proprio il carnevale del 1946 che, insieme con altre iniziative, contribuì a rompere il ghiaccio e a riavvicinare gli abitanti dei due borghi. Per molti anni le “rivalità” si rinnovarono tra i borghigiani nella costruzione dei carri allegorici. «Con il passare degli anni – spiega Giovanni Saglietti, presidente del Circolo Acli – parallelamente allo sviluppo della frazione anche il carnevale è costantemente cresciuto pur senza perdere le caratteristiche della festa di paese che lo hanno contraddistinto sin dalle sue origini». «Essere giunti alla 75ª edizione è un traguardo che riempie d’orgoglio e che gratifica il lavoro di molte persone le quali hanno contribuito, in tutti questi anni, a realizzare indimenticabili carnevali all’insegna della gioia, dell’allegria, dell’entusiasmo e alle volte anche della fatica», conclude Saglietti. b.b.