A Roma nell’Anno della fede

Tra le numerose proposte e indicazioni che vengono offerte dalla Nota della Congregazione per la dottrina della fede per la celebrazione dell’Anno della fede, una raccomandazione particolare viene fatta per «incoraggiare i pellegrinaggi dei fedeli alla Sede di Pietro, per professarvi la fede in Dio Padre, Figlio e Spirito Santo, unendosi con colui che oggi è chiamato a confermare nella fede i suoi fratelli (cfr Luca 22, 32). Sarà importante favorire anche i pellegrinaggi in Terra Santa, luogo che per primo ha visto la presenza di Gesù, il Salvatore, e di Maria, sua madre».

Si precisa ancora che nel corso di quest’anno sarà utile invitare i fedeli a rivolgersi con particolare devozione a Maria, figura della Chiesa, che «in sé compendia e irraggia le principali verità della fede. È dunque da incoraggiare ogni iniziativa che aiuti i fedeli a riconoscere il ruolo particolare di Maria nel mistero della salvezza, ad amarla filialmente e a seguirne la fede e le virtù». A tale scopo si invitano le Diocesi e le comunità parrocchiali a effettuare pellegrinaggi, indire celebrazioni e incontri presso i maggiori santuari.

Tenendo presenti tali indicazioni, il calendario preparato dall’Ufficio pellegrinaggi diocesano per l’anno 2013 – oltre ai tradizionali luoghi di fede e di preghiera quali Terra Santa, Lourdes, Fatima, Santiago di Compostella – mette in particolare evidenza due mete: Roma, come luogo significativo per l’Anno della fede, e Banneux, in Belgio, per ricordare l’80° anniversario delle apparizioni della Madonna dei poveri alla piccola Mariette Beco: «Io sono la Madre del Salvatore, la Vergine dei poveri» , aveva detto alla bambina, invitandola a immergere le mani nell’acqua, «questa sorgente è riservata amee vengo per alleviare le sofferenze».

Una particolare attenzione si intende dare al pellegrinaggio diocesano a Roma, programmato per i giorni 2-5 settembre. Nell’Anno della fede assume un significato specifico tornare alle sorgenti della fede apostolica per esserne confermati dal successore dell’apostolo Pietro, sentendoci così parte viva della tradizione apostolica. Ogni pellegrino che giunge alla basilica di San Pietro nel varcare quella “porta” è invitato a professare la fede nella Trinità e sentirsimembro della Chiesa universale.

È la fede della Chiesa che viene proclamata in ogni professione di fede; è sentirsi partecipe e in comunione con la Chiesa che «prosegue il suo pellegrinaggio tra le persecuzioni del mondo e le consolazioni di Dio, annunciando la passione e la morte del Signore fino a che egli venga» (Benedetto XVI, La porta della fede).

Giovanni Ciravegna

CALENDARIO PELLEGRINAGGI 2013

  • Terra Santa: 9-6 luglio, 27 dicembre-3 gennaio 2014.
  • Lourdes: 24-27 maggio; 30 maggio-2giugno; 9-12 settembre; 14-17 settembre; 20-22 settembre.
  • Fatima: 12-15 settembre; 12-15 ottobre.
  • Fatima-Santiago-Lisbona: 20-25 giugno.
  •  Banneux, La Madonna dei poveri: 23-28 agosto.
  • Armenia: 3-11 agosto.
  • Mosca-San Pietroburgo- Anello d’oro: 7-14 luglio.
  •  Belgio e Olanda: 22-29 luglio.
  • Tortona santuario della Guardia: 5 maggio.
  • Santuario Madonna del deserto: 6 luglio.
  •  Roma, pellegrinaggio diocesano: 2-5 settembre. Altre mete sono possibili su richiesta di gruppi e parrocchie.