Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Marello: “Padre Girotti, un campione di fede di cui Alba è orgogliosa”

ALBA. In un precedente articolo (disponibile QUI), abbiamo dato notizia che Papa Francesco ha autorizzato la Congregazione delle Cause dei Santi a promulgare i Decreti riguardanti 63 nuovi Beati, tra cui anche padre Giuseppe Girotti, sacerdote domenicano nato ad Alba nel 1905 e ucciso nel lager di Dachau nel 1945.

Appreso del decreto di beatificazione, il sindaco di Alba Maurizio Marello ha dichiarato: “La notizia ci riempie di commozione. Le motivazioni di questo altissimo riconoscimento risiedono nell’instancabile generosità con cui padre Girotti venne in soccorso di molte persone, soprattutto ebrei, perseguitate per motivi razziali o politici. E stanno altresì nel meraviglioso gesto con cui, nel lager di Dachau, offrì la propria vita per salvare quella di uno sconosciuto padre di famiglia condannato a morte. La città di Alba ha sempre onorato e venerato padre Giuseppe Girotti come ‘Giusto tra le nazioni’ e come martire della Resistenza. Lo ricordo anche come uno tra i più insigni campioni di un cattolicesimo albese del Novecento ricco di sacerdoti, religiosi e laici che si sono distinti per le loro virtù umane e per la profondità della loro vita di fede. Attendiamo ora la cerimonia di beatificazione per festeggiare padre Giuseppe Girotti come un nuovo vanto di tutti gli albesi”.

Approfondimenti sulla beatificazione di padre Giuseppe Girotti saranno disponibili sul numero 14 di Gazzetta d’Alba, in edicola a partire da martedì 2 aprile.