25 milioni per risollevare le imprese piemontesi

TORINO. La Regione Piemonte, attraverso Finpiemonte, sta completando in questi giorni l’erogazione della prima parte di fondi, pari a 25 milioni di euro, messi a disposizione dalla Banca europea degli investimenti (Bei), a seguito del contratto di prestito “Regione Piemonte Loan for Smes”. L’intesa prevede la disponibilità di un plafond di risorse aggiuntive per il Piemonte di 100 milioni di euro da destinarsi interamente al finanziamento di investimenti e progetti di sviluppo relativi alle imprese piemontesi.

«Grazie all’operazione conclusa con Bei – commenta il presidente della Regione Roberto Cota – assicuriamo alle imprese piemontesi, già gravate dal perdurare della crisi, di poter disporre di risorse finanziarie aggiuntive, in un momento in cui sia la parte pubblica sia il sistema creditizio faticano a sostenere le legittime esigenze di liquidità del mondo imprenditoriale. Ora più che mai dobbiamo guardare a nuovi mezzi di reperimento, che sappiano sfruttare le leve finanziarie di cui disponiamo e quindi cercare di replicare questo meccanismo virtuoso messo in atto con Bei».

In estrema sintesi, si tratta di un finanziamento della durata di 5 anni, dove l’80% dell’importo verrà erogato dalla Regione con provvista Bei a un tasso fisso inferiore al 2%, con un costo finanziario dell’operazione sensibilmente al di sotto rispetto agli attuali tassi di mercato. La Giunta regionale, inoltre, per supportare maggiormente tali imprese, ha deliberato recentemente di ripristinare anche per queste operazioni il contributo a fondo perduto pari al 5% della provvista erogata da Finpiemonte; non essendo possibile utilizzare la provvista Bei per tale finalità, sono stati destinati 1,25 milioni di euro di fondi Par Fas.