Gazzetta d'Alba – Dal 1882 il settimanale di Alba, Langhe e Roero

La Resistenza albese raccontata agli studenti di Scampia

ALBA. Nei giorni scorsi, al Teatro sociale “Busca” di Alba, il sindaco Maurizio Marello, insieme all’assessore comunale Luigi Garassino, ha incontrato le scuole medie albesi,  gli alunni e la compagnia teatrale “Vodisca Teatro” del quartiere Scampia di Napoli. Durante l’incontro, organizzato nell’ambito delle celebrazioni per la Festa della Liberazione, il Sindaco ha spiegato ai ragazzi il significato del 25 aprile per Alba: «E’ il giorno della Liberazione dal nazifascismo, dalla dittatura. Una liberazione iniziata nel 1943 con l’armistizio, partita dal sud con lo sbarco degli alleati in Sicilia. Le regioni meridionali furono le prime ad essere liberate, le nostre le ultime. Furono mesi di aspre battaglie dove un ruolo fondamentale lo ebbero i nostri partigiani. Per noi è anche importante il periodo del 10 ottobre–2 novembre 1944, i ventitré giorni della Città di Alba narrati dallo scrittore Beppe Fenoglio, quando i partigiani liberarono Alba. E’ l’inizio della fine per il regime nazifascista. I partigiani tornarono in città il 15 aprile 1945. Date fondamentali. Da lì nacque la nostra Repubblica e iniziò il cammino verso la Costituzione e la democrazia. Anni difficili e cruciali che hanno aperto a decenni di libertà e di pace. Per questo non ci stancheremo mai di ricordare uomini e ragazzi, come Franco Centro, che hanno sacrificato la propria vita per alti ideali», ha dichiarato Maurizio Marello, il quale ha letto ai presenti “La pulitica”, documento sulla “buona politica” realizzato dagli alunni della scuola elementare “Sacco”.

In conclusione, Rosario Esposito La Rossa ha offerto lo spettacolo teatrale “Lenuccia”. «E’ un orgoglio presentare questo tipo di spettacolo in una città che rappresenta uno dei capisaldi italiani della Resistenza», ha affermato Esposito La Rossa prima di presentare la storia della Resistenza di Napoli vista dagli occhi di Maddalena Cerasuolo, detta “Lenuccia”, donna e partigiana, a cui oggi è dedicato un famoso ponte della stessa città.