Giro d’Italia. Busseto-Cherasco, domani l’arrivo

Ancora una volta il centro storico della “città delle paci” sarà messo alla prova da un evento che potrà attirare centinaia, se non migliaia, di spettatori. Molto dipenderà dalle condizioni atmosferiche che paiono al momento poco confortanti.

Traffico. Già stasera (giovedì, ore 20) il tratto compreso tra l’arco mariano e il municipio, come piazza degli Alpini, saranno chiusi al transito dei veicoli per consentire il montaggio rispettivamente dell’Open village e del “quartiere tappa” nel Palaexpo. Vietata la sosta e il traffico da domattina alle ore 6 sino a fine gara, (prevista tra le 17 e 18) delle seguenti vie: Aldo Moro, Ferraretto, Adriani e Monfalcone, più le piazze Lagorio e Giovanni Paolo II, e buona parte di viale Salmatoris. Stessa sorte per la provinciale 242, dalla salita del Montarotto sino a corso Einaudi corrispondente all’arrivo di tappa, e la prosecuzione nella centrale via Vittorio. Nel pomeriggio anche le vie Badellino, Calorio, Vigne, Roma e Regina Margherita saranno inaccessibili per consentire il passaggio delle ammiraglie. A partire dalle ore 13 la cosiddetta “salita vecchia” potrà essere utilizzata unicamente per l’uscita dalla cittadina: solo i residenti potranno entrarvi con le auto.

Trasporti. Sospeso il servizio di conurbazione Cherasco-Bra, le linee Grandabus e Benese effettueranno fermate solo in regione Moglia, dove funzioneranno delle navette di collegamento col capoluogo (capolinea in via Cavour, di fronte all’istituto Gallaman). Servizio speciale che potrà essere utilizzato anche dagli spettatori forestieri che parcheggeranno nel fondovalle. Garantito il trasporto alunni, mentre la scuola dell’infanzia di Cherasco opterà per la chiusura anticipata alle ore 13.30.

c.l.