Spuntano altre vittime della maga Circe

ALBA  Ha avuto un seguito l’operazione Maga Circe, in seguito alla quale sono finiti in carcere con le accuse di concorso in truffa aggravata, estorsione e circonvenzione d’incapace la sedicente maga T.R. e suo marito I.B., che si spacciava per un guaritore indiano. Forse sollecitati dal sapere che la donna aveva raggirato un’imprenditrice albese facendosi consegnare 100 mila euro, altre donne albesi e astigiane hanno confessato di essersi rivolte alla maga per risolvere problemi di cuore, consegnandole in pagamento danaro contante, ma anche oro ed altri preziosi.

Proprio setacciando i negozi “compro oro” della zona,  i militari hanno appurato che i due coniugi ( e altri coindagati di nazionalità romena) avevano consegnato ingenti quantità di monili ricavandone contanti, tanto che i Carabinieri suppongono che i truffati dai due siano molti di più di quelli che hanno avuto il coraggio di sporgere denuncia.

v.p.