Gazzetta d'Alba – Dal 1882 il settimanale di Alba, Langhe e Roero

La Piessegi in liquidazione

NEIVE La crisi del settore edilizio sta per fare un’altra vittima illustre. Si tratta della Piessegi, azienda neivese attiva nel settore dei capannoni prefabbricati, che la scorsa settimana ha comunicato ai dipendenti e alle organizzazioni sindacali la messa in liquidazione volontaria. Per l’intero organico (50 addetti tra operai e impiegati) è stato chiesto un anno di cassa integrazione a zero ore. L’accordo, siglato venerdì scorso all’Unione industriale di Cuneo, sarà presentato oggi, martedì, in Regione. A mettere in crisi l’azienda di Neive è la mancanza di commesse. «La situazione è molto difficile», spiega Salvatore Correnti, della Uil. «La Piessegi ha ancora lavoro per 15-20 giorni; poi dovrà fermarsi. Non è la prima azienda di questo genere in difficoltà nella zona e in provincia di Cuneo. Se non si sblocca il settore, il quadro rischia di diventare sempre più critico». Nei mesi scorsi, a essere colpita dalla crisi era stata la Prunotto, di Gallo Grinzane, altra azienda impegnata nel campo dei prefabbricati.