Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

La Regione SBLOCCA 7 milioni di cantieri

PIAZZA DUOMO Manca l’ufficialità ma non ci sono dubbi sul fatto che, attraverso l’intervento della Regione, Alba potrà beneficiare di uno sconto milionario sul Patto di stabilità, che permetterà all’Amministrazione d’investire entro dicembre risorse proprie bloccate e, forse, di avviare il cantiere per la scuola media alla Moretta. Lo annuncia l’assessore regionale Alberto Cirio: «Alba, nell’ambito della regionalizzazione del Patto di stabilità, riceverà un trattamento di favore, in quanto è stata una delle prime città ad aver sperimentato il nuovo sistema contabile nazionale». In occasione delle due precedenti regionalizzazioni del 2013, la scelta di adottare il meccanismo si era rivelata controproducente, garantendo maggiori possibilità di spesa per appena 56 mila euro. Una cifra irrisoria se la si confronta con i circa 1,3 milioni concessi nel 2012.

Assicura ora Cirio: «Le prime due regionalizzazioni dell’anno sono state deliberate seguendo i criteri tecnici ministeriali, che non hanno tenuto conto della sperimentazione adottata dagli uffici albesi. Per la terza, invece, la Regione avrà maggiori margini d’azione e Alba otterrà una regionalizzazione da 6,57 milioni di euro, 5,4 per l’edilizia e la sicurezza scolastica – considerata una questione prioritaria dall’Amministrazione regionale di Roberto Cota – e oltre un milione per altre opere, quasi come un rimborso della dimenticanza dello Stato».

Il Comune aveva presentato a Torino una richiesta che si aggirava sui 7 milioni e ora dovrà farsi trovare pronto a spendere entro tre mesi gli euro sbloccati. Potrebbero essere avviati diversi cantieri, tra cui quelli per la costruzione di marciapiedi e piste ciclopedonali e per la manutenzione del verde pubblico. Come ha riferito il vicesindaco Franco Foglino, la regionalizzazione consentirà anche al Comune di sostenere con circa 330 mila euro gli investimenti della Provincia per il consolidamento dell’ex caserma Govone e di cofinanziare con 60 mila euro il contributo di 100 mila euro della fondazione San Paolo per la ristrutturazione della sala del Consiglio comunale.

Le risorse previste per quest’ultimo progetto sono state inserite nella variazione di bilancio da 532 mila euro che il Consiglio comunale ha preso in esame nella seduta di ieri, lunedì 30 settembre, e che comprende anche una spesa di 94 mila euro – finanziata per 50 mila euro dalla fondazione Crc – per la messa a punto della scuola materna di via Rorine, una di 35 mila euro per l’acquisto euro per l’acquisto di un nuovo muletto e i finanziamenti di 150 e 20 mila euro rispettivamente di fondazione Crc e Confartigianato per la Fiera del tartufo. Eccezion fatta per la regionalizzazione del Patto, non si prevedono altri provvedimenti capaci di premiare la città delle cento torri. Il decreto governativo sulla virtuosità finanziaria che 12 mesi fa aveva garantito un bonus di spesa di 2,6 milioni di euro non verrà replicato: al momento l’unica possibilità è rappresentata da un decreto che potrebbe destinare 20 milioni di euro agli enti locali che hanno sperimentato il nuovo sistema contabile. Il benefit per Alba potrebbe aggirarsi tra i 50 e i 150 mila euro. Ma di questi tempi poco si spera in Roma.

Enrico Fonte