Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Alba, quindici grandi aziende colpite dalla crisi e mille lavoratori in mobilità

ALBA Sono 15 le principali aziende del territorio di Alba colpite dalla crisi, alle quali si aggiungono numerose piccole imprese con meno di 15 dipendenti. A gennaio 2014 erano 989 i lavoratori albesi iscritti alle liste di mobilità: rappresentano il 28 per cento del totale degli iscritti nell’intera provincia di Cuneo (in tutto 3.533). Di questi il 42 per cento è costituito da donne, ma soprattutto, dato estremamente preoccupante, il 53 per cento ha più di 50 anni e, quindi, rientra in una fascia di ricollocazione lavorativa molto difficile.

Nei casi in cui non è stato possibile intervenire con la cassa ordinaria e straordinaria, la Regione Piemonte, nel 2013, ha autorizzato sul territorio cuneese la cassa in deroga, per un totale di 773 imprese (il 36,8 per cento in più del 2012) e 4.819 lavoratori (il 20 per cento più dell’anno precedente). Gli assegni per tutte le tipologie di cassa vanno dai 750 ai 960 euro netti al mese, circa.