Elezioni regionali: il Movimento 5 stelle sceglie i suoi candidati

Davide Bono.

CUNEO Come nel resto del Piemonte anche in provincia di Cuneo, lunedì 17 marzo, hanno avuto luogo le Regionarie on-line, ovvero la selezione degli attivisti del Movimento 5 stelle che andranno a comporre le liste per le elezioni regionali del 25 maggio.

Il candidato alla carica di presidente della Regione sarà Davide Bono, consigliere regionale uscente, che ha ottenuto  1.304 preferenze. Hanno votato in 2.601 che hanno espresso 12.363 preferenze.

Davide Bono

I circa 250 attivisti cuneesi del Movimento 5 stelle registrati e certificati sul blog di Beppe Grillo hanno potuto esprimere tre preferenze a testa per selezionare trai nove candidati i cinque che concorreranno alla carica di consigliere regionale.

Il risultato della votazione on-line ha rispecchiato, per certi versi, le votazioni tenutesi dopo ogni “graticola” (a Bra e Cuneo nei giorni scorsi i nove candidati avevano dovuto presentarsi e parlare della loro idea di Regione di fronte a platee di attivisti e simpatizzanti del M5S): ha primeggiato con 146 voti Mauro Campo attivista storico del Gruppo di Cuneo e già candidato alle passate regionali e politiche. Lo hanno seguito Sandra Armando (95 voti) di Cuneo, Giuliano Bessone (94 voti) di Mondovì, Nadia Palladino (94 voti) del Gruppo di Alba e Fabrizio Ghirardi (90 voti) sempre del Gruppo di Alba.

Seguono, e quindi esclusi dalle elezioni regionali, salvo eventuali variazioni dell’ultima ora, Lorenzo Viassone di Bra, Clemente Falcone del Gruppo di Alba, Niko Bissardella di Racconigi e Massimo Danna di Borgo San Dalmazzo.

Nelle prossime settimane i cinque candidati avranno modo di farsi conoscere dagli elettori, a partire dall’incontro di Alba a titolo Vivere in Europa, dono o maledizione? che si terrà domenica 23 marzo dalle ore 16 in Sala Fenoglio di Via Vittorio Emanuele, 19, durante il quale si dibatterà circa la difficile situazione economica europea e di possibili soluzioni: oltre ai candidati parteciperanno   Gustavo Rinaldi (Docente alla Facoltà di Economia di Torino), Fabiana Dadone (Deputata) e Davide Bono.