Astisio: una serata da Cefalonia alla coltivazione della vite

VEZZA Astisio, associazione artistico-culturale del Roero e Caffè e parole invitano all’incontro del 6 giugno, alle 21, all’osteria Di vin Roero di Vezza. L’ingresso è libero.

Testimonianze su una pagina dimenticata della nostra storia: il massacro di Cefalonia. Franco Brunetta racconta la storia di “Toni” inviato a combattere sul fronte greco-albanese nel 17° Fanteria della Divisione Acqui. Nell’isola, il soldato vive le drammatiche vicende del 1943, viene  fatto prigioniero ma riuscirà a fuggire e far ritorno  a casa. A Toni 70 anni dopo sarà conferita la medaglia d’onore rendendo merito alla straordinaria dignità di resistere  al nemico.

Primo Culasso e Giancarlo Montaldo, Dopo la positiva esperienza del libro “Dësgròpte!”, hanno lavorato a una nuova pubblicazione, dal titolo originale e significativo: “Piantra lì!”.  Il nuovo libro racconta come si coltivava la vite e si produceva il vino in Langa e Roero prima degli anni Sessanta, ci porteranno a conoscere con le parole di “Piantra lì!” come si coltivava la vita e la produzione del vino nel secolo scorso, nelle colline della Langa e del Roero. Un omaggio ai viticoltori “di una volta” che tanto hanno lavorato senza troppe gratificazioni.

Bartolomeo Costamagna accompagnerà invece verso il “camino di Santiago di Compostela”. Dedicando il suo intervento al racconto del suo viaggio tra fatica e pensieri.

Chi vorrà, potrà iniziare la serata con una merenda sinòira alle 19.30 all’osteria Di vin Roero prenotandosi al numero 0173-65.114  oppure 0173-65.81.10.