Scout: Alba 9 e Valle Tanaro 1, festa di fine anno insieme e novità

ALBA Si possono considerare due scampoli di storia del nostro territorio, il Gruppo Scout Alba 9 è attivo da 35 anni nella Parrocchia del Duomo, del centro storico e dei paesi delle Langhe, mentre il Valle Tanaro dal 1994 propone lo scoutismo ai ragazzi della sinistra Tanaro, dal Mussotto fino a Priocca, Govone e paesi limitrofi. Domenica 8 giugno  dalle 15.30 nell’area verde del parco di San Cassiano i Gruppi festeggeranno la fine dell’anno di attività celebrerando la messa e divertendosi con giochi e merenda. Non mancherà una piccola mostra di cimeli, magliette, calendari e vecchie foto in cui tutti potranno riconoscersi. Tutti gli ex Scout, gli amici e i genitori dei ragazzi che in questi anni ci hanno sostenuto con il loro servizio e la loro amicizia sono invitati.

Sono innumerevoli le occasioni di incontro, tante le attività e centinaia le ragazze e i ragazzi che hanno potuto “giocare il gioco” inventato da Baden Powell e radicato nell’albese fin dal 1916.

Chi ha trascorso le vacanze di branco, i campi di reparto e le route indossando il fazzolettone verde-arancio o giallo-viola ne custodisce nel cuore vivaci ricordi di gioia e spensieratezza, di amicizie ed esperienze forti, di momenti di impegno condiviso e anche di responsabilità vissuti sui sentieri o sotto le stelle, nel sole o sotto la pioggia nelle tante attività di branco, reparto e noviziato-clan.

Gli adolescenti di ieri, oggi sono imprenditori, professionisti, operai, padri e madri di famiglia ma tutti conservano la camicia azzurra o il fazzolettone insieme ai ricordi più cari.

Per le comunità capi (il gruppo di adulti che guida e coordina le attività dei ragazzi) dei due gruppi in questi ultimi anni però si sono delineate alcune difficoltà legate al numero di adulti disponibili a impegnarsi per il servizio educativo.

Durante il ciclo di studi universitari molti giovani hanno piacere di fare esperienze di studio e lavoro all’estero, le giovani coppie invece sono alle prese con lavori precari e figli piccoli. Questi e altri fattori sottraggono disponibilità all’impegno nel volontariato mentre le attività di servizio nello scoutismo necessitano di impegno e formazione costanti.

Per continuare ad offrire l’opportunità a bambini, ragazzi e giovani di vivere l’esperienza Scout da tre anni le due comunità capi hanno impostato un progetto di stretta collaborazione proponendo attività comuni e alternando la presenza sui due territori.

Nel 2011 i ragazzi più grandi hanno cominciato ad essere un unico Clan, seguiti nel 2012 dalle Guide ed Esploratori che sono confluiti in unico Reparto scegliendo un nome emblematico “Reparto due cieli”. Nell’anno appena trascorso anche i due Branchi di Lupetti hanno fatto attività parallele.

La festa di chiusura di quest’anno sancirà la conclusione di questo progetto e l’inizio di una nuova avventura le cui linee saranno presentate a ragazzi e genitori durante l’appuntamento di domenica 8 giugno al parco di San Cassiano.