Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Alba, il Sindaco al ministro Lupi: «Il territorio ha dato allo Stato più di quanto abbia ricevuto»

ALBA «Non c’è corrispondenza tra quello che il territorio ha dato e quanto ha invece ricevuto dallo Stato». Lo ha detto il sindaco di Alba Maurizio Marello al ministro dei trasporti Maurizio Lupi, ospite, venerdì 10 ottobre, sul palco del teatro sociale “Busca”, dell’inaugurazione dell’84.a Fiera internazionale del tartufo bianco d’Alba. Le parole del primo cittadino: «L’unico che può risolvere la situazione dell’autostrada Asti-Cuneo è lei, Ministro, facendo ciò che non hanno fatto i suoi predecessori, ovvero far rispettare il contratto alla società incaricata. Il problema del lotto 2.6 (cantina Roddi-Verduno) dell’autostrada Asti-Cuneo è semplice: c’è una concessione, una società che ha vinto questa concessione, una parte di lavori a carico dello Stato che li realizza, la parte restante di opere a carico della società concessionaria che però non li realizza. La parte del contratto su cui la società è stata adempiente è l’applicazione dei pedaggi. Per il resto, nonostante il contratto, nonostante le scadenze, nonostante la nostra firma due anni fa dell’accordo in cui mettevamo a disposizione la tangenziale di Alba, un’inadempienza continua. Il capitolato originario prevedeva un miliardo di euro e al momento la società ha speso 400 milioni di euro, quindi ha ancora 600 milioni da spendere rispetto all’impegno iniziale. Saprà lei come muoversi, Ministro, per trovare le soluzioni giuste e compatibili. C’è un’inadempienza. Quindi, io invito lo Stato a trarne le dovute conseguenze e ad agire di conseguenza perché noi paghiamo sul piano delle infrastrutture un’arretratezza decennale. Non solo non abbiamo un collegamento autostradale ma non abbiamo neanche il collegamento ferroviario con Asti. L’unica cosa che potrebbe concretizzarsi è l’elettrificazione della linea Alba–Bra. Il contributo più grande che in questo momento lo Stato può dare è quello di aiutarci a realizzare queste opere. Dateci una mano su questo perché stiamo davvero cominciando a fare fatica e non vorrei che perdessimo quella sacra fiducia nelle istituzioni che abbiamo sempre avuto».

La replica del ministro Maurizio Lupi: «Il decreto “Sblocca Italia” fissa delle date entro le quali dare risposte su questi temi. Per quanto riguarda l’Asti-Cuneo, se la società continuerà a non rispettare l’accordo si può valutare la possibilità di revocare la concessione».

Questo il tema caldo alla cerimonia d’inaugurazione introdotta dall’assessore comunale a cultura e turismo Fabio Tripaldi insieme al presidente dell’Ente fiera Antonio Degiacomi e moderata dal vicedirettore de La Stampa Michele Brambilla. Sono anche intervenuti il viceministro delle politiche agricole Andrea Olivero, il presidente del Parlamento europeo Martin Schulz con un video-messaggio, il governatore del Piemonte Sergio Chiamparino e i rappresentanti dei siti vitivinicoli europei patrimonio Unesco accolti ad Alba.

Dopo l’incontro a teatro, la cerimonia è proseguita con il taglio del nastro e la visita al Mercato del tartufo nel cortile della Maddalena.