Fai la scuola giusta, serate nelle principali città della Granda

Nelle sette principali città della provincia di Cuneo ritorna, per il quarto anno consecutivo, “Fai la scuola giusta”, il progetto di orientamento scolastico per gli studenti delle scuole medie inferiori, genitori e insegnanti, ideato e promosso dalla Sezione meccanica di Confindustria Cuneo in collaborazione con il Gruppo giovani imprenditori.

Otto gli incontri in programma nei dieci di giorni di svolgimento della rassegna: il primo e l’ultimo si svolgeranno a Cuneo, gli altri sei ad Alba, Bra, Fossano, Mondovì, Saluzzo e Savigliano, tutti con inizio alle ore 20,45. Il format delle serate prevede uno spettacolo ludico-formativo a cura della compagnia Teatroeducativo.it, con estrazione finale tra i partecipanti di tablet, smartphone e stampanti.

Per partecipare è obbligatoria l’iscrizione tramite mail (comunicazione-immagine@uicuneo.it).

Il calendario degli appuntamenti di “Fai la scuola giusta”

Lunedì 20 ottobre, ore 20.45, Cuneo, Teatro Don Bosco

Martedì 21 ottobre, ore 20.45, Alba , Teatro Sociale

Mercoledì 22 ottobre, ore 20.45, Saluzzo, Teatro Politeama

Giovedì 23 ottobre, ore 20.45, Fossano, Istituto Vallauri

Lunedì 27 ottobre, ore 20.45, Savigliano, sala Crusa Neira

Martedì 28 ottobre, ore 20.45, Bra, sala Giovanni Arpino

Mercoledì 29 ottobre, ore 20.45, Mondovì, Teatro Baretti

Giovedì 30 ottobre, ore 20.45, Cuneo , Teatro Don Bosco

Quella della scuola superiore è la prima scelta che uno studente, insieme alla sua famiglia, è chiamato a fare. Orientarsi tra le diverse opportunità offerte dalle scuole della provincia di Cuneo non è semplice, anche perché non è facile capire che cosa offrirà il mercato del lavoro al termine del percorso di studi. Di qui la decisione di portare avanti un progetto che l’anno scorso ha coinvolto oltre 1.500 ragazzi e genitori. Lo spettacolo ludico-formativo fatto di battute, gag, sketch, video e musica dal vivo, ma con i contenuti didattici di una vera e propria lezione, toccherà, sera dopo sera, le sette principali città della provincia di Cuneo. Nel corso dello show, che durerà di 75 minuti, gli attori inviteranno i ragazzi a scoprire gli stereotipi degli adulti e di quelli che li circondano; comprendere che per operare scelte consapevoli bisogna possedere informazioni; conoscere le loro capacità, attitudini e interessi; imparare quali professioni sono ricercate dalle aziende del territorio.

«Siamo soddisfatti perché, in questi quattro anni, la nostra idea è stata presa come esempio in tante zone d’Italia», spiega Domenico Annibale, presidente della Sezione meccanica di Confindustria Cuneo e ideatore del progetto. «Il format funziona e, dopo le prime due edizioni in cui avevamo scelto il linguaggio cinematografico, siamo tornati ad affidarci, come l’anno scorso, al teatro. Un nuovo spettacolo aiuterà i ragazzi a fare la scelta giusta, quella più in linea con le proprie aspirazioni e predisposizioni, ma consapevole del contesto economico nel quale stanno vivendo. Oggi, infatti, il lavoro manca un po’ in tutti i settori, ma è certo che l’Italia resta un Paese manifatturiero e che l’indirizzo tecnico è quello che offre i maggiori sbocchi».