Alba, forti polemiche sulla riorganizzazione della scuola. Il centro-destra lascia la commissione

ALBA Non si placano le polemiche sulla riorganizzazione scolastica definita dal gruppo del sindaco Maurizio Marello e presentata in anteprima sul numero 42 di Gazzetta d’Alba. Il centro-sinistra, accusato di non aver adeguatamente condiviso una decisione così importante, ha motivato le proprie scelte con i tempi stretti imposti dalla Provincia, la quale ha suggerito all’amministrazione comunale di comunicare alla Regione le proprie indicazioni di riorganizzazione entro il 10 novembre, in modo da evitare che fosse l’ente presieduto da Sergio Chiamparino a modificare l’assetto delle scuole albesi secondo i criteri fissati dalla legge. La maggioranza allora, dopo una discussione in quarta commissione «piuttosto sommaria», come l’ha definita la minoranza, ha approvato il documento con una delibera di Giunta.

I gruppi di opposizione non hanno gradito il modus operandi e lo hanno fatto sapere in una conferenza stampa, che però non è bastata a spegnere i malumori. Nella riunione di lunedì 17 novembre, il consigliere di Fratelli d’Italia, Emanuele Bolla, ha infatti rassegnato le dimissioni da vicepresidente della quarta commissione consiliare in segno di protesta. Scelta condivisa dagli altri consiglieri di centro-destra, i quali hanno deciso di abbandonare l’aula.

Approfondimenti sul numero di Gazzetta d’Alba di domani, martedì 18 novembre, e su quello della settimana successiva.