Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Alba, Alessandra Mita vince il concorso dell’Arvangia

ALBA È Alessandra Mita (foto), già studentessa del liceo artistico “Pinot Gallizio” di Alba, la vincitrice della prima edizione del concorso interculturale “La bellezza delle Langhe è…” coordinato dall’associazione culturale Arvangia. Ha ottenuto una borsa di studio di 500 euro quale prima classificata per il video Langhe on the road, un prodotto multimediale che esalta sapori, paesaggi, abitanti, castelli, dimore storiche, ricette di tradizione e di innovazione, vini, tartufi, folclore e passatempi della gente di Langa.

Il video ha il merito di rappresentare a tutta velocità paesi, luoghi, situazioni, creando spettacolo attorno alla capacità imprenditoriale dei langhetti e portando in vetrina gli scorci paesaggistici che fanno da richiamo ai sempre più numerosi turisti. Incasellando sapientemente frasi scritte da Beppe Fenoglio e da Cesare Pavese, Alessandra Mita ha saputo legare alle glorie letterarie del territorio un’ampia rassegna di iniziative che rendono sfavillante l’offerta enogastronomica che caratterizza le antiche colline della malora contadina.

Hanno ricevuto segnalazioni di merito anche Micaela Mollo di Alba, premiata per la sua prerogativa di concorrente più giovane (nove anni appena)  e Donatella Montanaro di Savona per il testo “Il castello che non c’è”, una testimonianza sbarazzina sui paesi come Lequio Berria e Diano d’Alba che non hanno più il proprio castello ma dai pinnacoli dove sorgevano fortificazioni, torri e ponti levatoi offrono oggi ai turisti vedute mozzafiato da scrutare nella luce tersa di gelide mattinate invernali. L’articolo premiato e la poesia di Micaela Mollo saranno pubblicati sul tredicesimo numero di Langhe.

La premiazione del concorso, avvenuta contestualmente alla presentazione del dodicesimo numero della rivista Langhe, si è conclusa con gli interventi di Oscar Barile e Romano Salvetti pronti a rinnovare impegno ed entusiasmo per altre iniziative di valorizzazione del territorio dove la rivista si è radicata.