Volontari ospedalieri, 20 anni di solidarietà

BRA «Ogni tanto mi viene da pensare che l’ospedale di Verduno potrebbe anche aprire. Allora immagino che aumenteranno anche i pazienti (ridimensionamenti a parte). Quindi ci sarà sicuramente bisogno di un maggior numero di volontari Avo. Perché il lavoro che fanno loro con i malati è veramente importante». Così l’ex-primario di medicina Armando Vanni ha aperto il suo intervento al convegno 20 anni di solidarietà e condivisione, organizzato per fare il punto sulleattività dell’associazione braidese di volontari ospedalieri. Al tavolo dei relatori, coordinati dal direttore del Tg3 regionale Gianmario Riccardi, oltre alla presidente Anna Maria Guarino, il sindaco Bruna Sibille, il vicesindaco Gianni Fogliato, suor Giuliana Galli (Compagnia di San Paolo), Massimo Silumbra (vicepresidente regionale Avo), Giorgio Groppo (Csv) e Francesco Morabito ( Asl Cn2 Alba-Bra). Il denominatore comune dei loro interventi è stato certamente la gratitudine per il lavoro silenzioso dei volontari con il camice azzurro e il grazie per la loro presenza costante, a fianco dei malati, in particolare di coloro che non hanno nessuno che li può assistere.

Valter Manzone