Intervista a Manuela Grippi, attrice albese nel cast di Non c’è 2 senza te

ALBA Non c’è 2 senza te, film girato in gran parte ad Alba, con protagonista Belen Rodriguez con Fabio Troiano, Dino Abbrescia e Tosca D’Aquino, è arrivato nelle sale albesi (al Cine4 Cityplex). Grande curiosità in città per vedere il film – e vedersi visto il gran numero di comparse provenienti da Langhe e Roero. Una zona che ha “stregato” il regista Massimo Cappelli: «Ad Alba, io che sono originario di Ascoli Piceno, circondata da splendide colline, ho rivissuto la bellezza della mia infanzia, mi sono sentito come a casa, grazie al calore degli albesi. Ho amato a tal punto le Langhe e il Roero da volervi girare il mio prossimo film e omaggiare maggiormente questa zona. Quando siamo partiti per girare», rivela Cappelli, «era previsto un set torinese di quattro settimane e albese di una, ma l’accoglienza è stata tale che abbiamo deciso di fermarci quattro settimane ad Alba e due a Torino. L’unico rammarico è non aver potuto presentare in anteprima il film ad Alba, causa maltempo: spero di poter rimediare nei prossimi giorni».
 Albese è Manuela Grippi, unica attrice professionista della zona presente nel film. Da tempo residente a Torino, Manuela ha mosso i primi passi frequentando un corso teatrale alla fondazione Ferrero e, in seguito, il Dams. «Non c’è 2 senza te è la mia prima esperienza cinematografica, dopo anni nel mondo della televisione come autrice di programmi Rai per bambini, come presentatrice del Torino jazz festival, nel doppiaggio e nel teatro», spiega l’attrice. «Ho appena concluso una tournée nei teatri con Serena Dandini e il suo Ferite a morte e ora sto portando in giro per l’Italia Fin che morte non ci separi sul tema del femminicidio di cui sono co-autrice con Francesco Oliveri. Il cinema per me è una novità, ma non nascondo di sperare che a questa parte possano seguirne altre». Sul suo ritorno in veste di attrice Manuela commenta: «Vivo da 12 anni a Torino, lavorare ad Alba è stato qualcosa di particolare, è stato come rivedere la città sotto una nuova luce reincontrando tanti amici di un tempo». Conclude con un augurio: «Mi sono divertita e spero il pubblico albese possa divertirsi, a sua volta, gustando Non c’è 2 senza te, un film in cui si ride molto e che infonde buonumore».

m.p.