Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

“Punta su di te”, il progetto cuneese contro le ludopatie

CUNEO Lunedì 4 maggio, presso la sala della Giunta del Comune di Cuneo, alle 17, verrà presentato il progetto provinciale “Punta su di te” inerente la patologia da gioco d’azzardo. Tale progetto, finanziato dalle fondazioni Cassa di Risparmio di Cuneo e Cassa di Risparmio di Torino, è stato ideato dal consorzio Cis (Compagnia di iniziative sociali) e ha come firmatari i comuni più popolosi della Granda (Cuneo, Saluzzo, Savigliano, Fossano, Mondovì, Bra, Alba), l’Asl Cn1, l’Asl Cn2, la Caritas di Cuneo e l’associazione Libera presidio di Cuneo.

«L’obiettivo prioritario  – dichiara la coordinatrice del progetto Manuela Ferrero del consorzio Cis – è quello di creare una rete che veda coinvolti, oltre i firmatari, un numero sempre più significativo di persone che, con ruoli e funzioni diverse, entrino in contatto con tale fenomeno. Questo perché desideriamo che nasca una consapevolezza, e forse col tempo una cultura, rispetto al gioco d’azzardo, ai suoi rischi e la sua ricaduta sull’intero tessuto sociale. Infatti si tratta di una materia su cui siamo ancora analfabeti: una delle sfide è quella di creare una grammatica condivisa che permetta una lettura e un approccio psicosociale al fenomeno. Poiché tale progetto è una estensione della campagna omonima attiva su Alba dal 2013. Amplieremo azioni  già sperimentate nel capoluogo delle Langhe ai comuni partner, come le attività formative per le associazioni di volontariato, i consorzi socio-assistenziali  e le associazioni di commercianti».

Inoltre, come emerso durante i tavoli di coordinamento provinciali a cui prendono parte i firmatari del progetto, una attenzione particolare verrà rivolta ai target più esposti come gli anziani e i giovani; si stanno prendendo contatti con i diversi gruppi di giovani legati soprattutto al mondo dell’associazionismo per comprendere il loro punto di vista e definire insieme come diffondere la conoscenza dei fattori di rischio del gioco d’azzardo. Per favorire questo dialogo gli operatori del progetto saranno presenti con il materiale informativo della campagna negli eventi che vedono coinvolti i ragazzi.

Interverranno alla conferenza stampa l’assessore alle politiche sociali e alla sanità Maria Gabriella Aragno, la dottoressa Nadia Ferrero e il dottor Giuseppe Sacchetto, direttori Ser.D. delle Asl Cn1 e Cn2, per descrivere la patologia da gioco d’azzardo e la cura, e la dottoressa Manuela Ferrero, coordinatrice del progetto, che declinerà gli obiettivi e le azioni della campagna “Punta su di te”.