Toro, vittoria sporcata

CALCIO Vittoria storica domenica 26 aprile 2015 per il Torino, che si è aggiudicato dopo vent’anni il derby cittadino. Il gol di Pirlo non è bastato alla Juventus per arginare un Toro in gran forma, andato a segno con Darmian e con l’ex Quagliarella. La festa però è stata guastata dalle violenze che hanno prima coinvolto il pullman dei bianconeri e poi anche i tifosi presenti allo stadio, culminando nel lancio di una bomba carta esplosa tra i sostenitori granata della curva Primavera.

La delusione per il comportamento di questi violenti serpeggia tra i tifosi granata, come racconta Massimiliano Fontana, giovane originario di Santa Vittora che abita ad Alba, che si trovava a pochi metri dal punto in cui è esplosa la bomba: «In campo abbiamo assistito, finalmente, a un derby combattuto come non se ne vedeva uno da tempo. Sugli spalti e fuori dallo stadio invece il solito becero pseudo-tifo fatto di bombe carta e sassaiole; meno male che non c’è scappato il morto. Ero a una ventina di metri dal punto in cui è scoppiato il botto e il rumore è stato assordante. Tutto questo deve finire: certa gente allo stadio non deve più entrare e la parte sana dei tifosi, che è netta maggioranza, deve isolare questi teppisti che con il calcio non c’entrano proprio nulla!».

Adriana Riccomagno