Ad Asti il Gpl più caro del Piemonte

ASTI.  Asti è la città più cara in Piemonte nel rifornimento Gpl per uso domestico? Dopo la trasmissione televisiva Mi manda Raitre, numerosi cittadini hanno richiesto alla Casa del consumatore una verifica del proprio contratto di fornitura. Spiega il presidente regionale dell’Associazione di consumatori Stefano Santin: “Confrontando i prezzi comunicati dalle aziende alla Camera di commercio di Asti con quelli fatti pervenire alle altre Camere di commercio della regione, i consumatori astigiani pagano il Gpl più caro degli altri piemontesi”.

Le Camere di commercio rilevano due prezzi, uno per serbatoi dati in comodato dalle aziende Gpl e  un prezzo per il Gpl fornito in serbatoi di proprietà del consumatore. I consumatori astigiani che hanno un serbatoio in comodato pagano 21 centesimi in più di chi è proprietario del “bombolone”.   Tradotto in soldi significa che per una fornitura di 1.500 litri, ad Asti, chi è proprietario del serbatoio paga il gas 300 euro in meno rispetto a chi non lo è.
Un alessandrino proprietario del bombolone avrebbe un risparmio di 147 euro, un cuneese di 91,50
euro e un novarese di 46,50 euro. “Da questi dati – prosegue il presidente regionale Santin – si capisce che Asti è la provincia con il Gpl più caro dal quale scaturisce una differenza molto ampia tra chi è proprietario del serbatoio e chi ne usufruisce in comodato. Per essere liberi da condizionamenti sul prezzo la soluzione migliore  è di riscattare dalle aziende il proprio serbatoio”.

La Casa del consumatore rende noto di essere in grado di offrire a tutti gli astigiani l’assistenza per verificare il proprio contratto al fine di esercitare ogni soluzione che la normativa mette a disposizione.