I cinesi al posto di Granato Mobili e (forse) ad Alba galleria

ALBA Sarà probabilmente una società cinese a prendere il posto di Granato Mobili, nella palazzina che per tanti anni ha ospitato il negozio di abbigliamento Pace. Alcune persone di nazionalità cinese hanno infatti depositato presso gli uffici comunali una richiesta per avviare nell’edificio che si affaccia su piazza San Francesco «un’attività commerciale di dimensioni medie, inferiore a 900 metri quadrati», come riferisce l’assessore comunale al commercio Massimo Scavino.

Nella foto d’archivio, il sindaco Maurizio Marello e l’allora assessore comunale Paolo Minuto al taglio del nastro del negozio Granato di Alba.

I tecnici del Comune non si sono ancora espressi, ma è probabile che diano il loro benestare, anche perché ci sarebbe già l’accordo tra i proprietari dell’immobile e i commercianti cinesi. Peraltro quella cinese è l’unica richiesta pervenuta agli uffici di piazza Duomo per rimpiazzare l’azienda di mobili.

Resta da capire quali generi verranno commercializzati. Di certo, precisa Scavino, «non saranno beni agroalimentari». Si può quindi ipotizzare che possa trattarsi di oggettistica per la casa o abbigliamento.

Quella di piazza San Francesco potrebbe non essere l’unica “conquista” cinese: come già riportato dal nostro giornale, una compagine asiatica avrebbe messo gli occhi anche su Alba galleria, chiedendo informazioni al personale comunale. Sviluppi potrebbero arrivare a breve.
Enrico Fonte