Veneziani e L’unità: esce dal cda ma realizzerà gli inserti tematici

Sarà un apostrofo verde a distinguere il nuovo logo della testata dell’Unità, il quotidiano fondato da Antonio Gramsci di cui è previsto il ritorno in edicola il 30 giugno con la direzione di Vladimiro Ilic Frulletti. Il restyling è stato curato dallo studio Sergio Juan di Barcellona. Il nuovo formato sarà di 24 pagine (costo 1,40 euro). La redazione sarà composta da 33 tra giornalisti e poligrafici, come ha stabilito il nuovo accordo sindacale del 10 giugno, la sede centrale sarà a Roma. Oltre al formato (24 pagine al costo di 1,40 euro) e la redazione (33 giornalisti) si va definendo anche l’assetto societario dell’Unità srl: l’80% è di proprietà della Piesse, (società controllata al 60% da Guido Stefanelli e dal 40% da Massimo Pessina), la Fondazione Eyu (Europa-Youdem-Unità), che fa capo al Pd, è salita al 19,65%, mentre Guido Veneziani, proprietario di RotoAlba, è sceso sotto l’1% ed è uscito così dal Consiglio di amministrazione. Veneziani resta come service per la realizzazione degli inserti tematici che saranno allegati al giornale e che spazieranno dalla salute al tempo libero.