Anziana trova un borsello con 2500 euro e rifiuta il premio che le spetta

SALICETO Rinfranca, ogni tanto, evidenziare storie di buone azioni e senso civico, che non fanno riscattare in un sol colpo le malefatte di tanti, ma aiutano ad avere maggior fiducia nel genere umano.

Spiega il capitano Serena Federica Galvagno, comandante della Compagnia carabinieri di Alba: «Un’anziana a passeggio nel piccolo paese di Saliceto, trova un borsello contenente qualche assegno e ben 2.500 euro in contanti; somma non elevatissima ma, c’è da scommetterci, sicuramente più alta della sua pensione mensile. La signora non ci pensa due volte e, nonostante quei soldi potrebbero farle molto comodo, va subito dai carabinieri e affida loro il borsello. I militari, attraverso gli assegni, riescono rapidamente a risalire al proprietario: si tratta del titolare di un’azienda del posto che non si era ancora accorto di averlo perso. L’uomo, incredulo del fatto che il suo borsello con tutto il contenuto fosse finito in mani sicure, manda una collaboratrice in caserma a ritirare il tutto.

I militari, all’atto della consegna del denaro, segnalano alla collaboratrice che il proprietario delle cose smarrite è tenuto per legge a versare al ritrovatore un premio pari al ventesimo del valore del bene ritrovato. Alla donna spetterebbero 125 euro. La collaboratrice dell’imprenditore stava già contando il denaro ma l’anziana signora, dando prova di rara dignità, onestà e senso civico, ha rifiutato con un sorriso».