Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Cantè j’euv il 19 marzo. Pronti 250 volontari

GUARENE-MONTEU Previste navette da Canale verso il centro monteacutese
Come anticipato, in anteprima, da Gazzetta, qualche settimana fa, sarà Monteu Roero a ospitare, sabato 19 marzo, l’edizione 2016 di Cantè j’euv nel Roero. La macchina organizzativa della manifestazione, cresciuta in maniera esponenziale negli ultimi anni e in grado di richiamare migliaia di visitatori da ogni parte del basso Piemonte, si è avviata nelle scorse settimane.
Martedì 19 gennaio gli organizzatori –Piero Rivetti, vicesindaco di Guarene, Michele Sandri, primo cittadino di Monteu, e Beppe Vezza, presidente delle Pro loco per il Roero – hanno incontrato Franco Sampò, vice-presidente del coordinamento provinciale di Protezione civile. Sul tavolo la questione sicurezza in attesa della pacifica invasione del piccolo centro storico di Monteu Roero e delle piazze Marconi e Roma che rappresenteranno il fulcro dei festeggiamenti.
«Il centro storico sarà completamente chiuso al traffico e l’accesso avverrà grazie a navette, da Canale», commenta Piero Rivetti svelando: «In caso di condizioni meteorologiche favorevoli potrebbero essere allestiti parcheggi nei campi lungo la strada provinciale 29».
Un record sarà sicuramente battuto: «Dalla Protezione civile è giunta la disponibilità di impiegare oltre 250 volontari. Il loro contributo, unito a quello delle forze dell’ordine, sarà fondamentale per la buona riuscita di una manifestazione che porterà nel centro di Monteu, dove vivono 7-800 persone, oltre 20 mila visitatori», conclude Rivetti. Gli altri record da battere saranno le 22 mila presenze e i 18 mila euro donati in beneficienza nell’edizione dei primati, quella guarenese del 2014.

m.p.