Già ferma la centrale idroelettrica sul Tanaro

ENERGIA Esordio sfortunato per la centrale idroelettrica costruita da Tanaro power (società partecipata da Egea e Ardea energia) sul Tanaro a valle del ponte di Pollenzo, nel territorio di Santa Vittoria. Domenica 20 dicembre – a un mese dall’inaugurazione – l’impianto si è dovuto fermare per un allagamento provocato da una piccola rottura della guaina protettiva posta lungo il tunnel di accesso.

La centrale idroelettrica costruita da Egea e Ardea a valle del ponte di Pollenzo.

I tecnici addetti al monitoraggio e alla manutenzione hanno contattato i Vigili del fuoco, i quali hanno messo in sicurezza la struttura rimuovendo i pochi centimetri di acqua che si erano accumulati all’interno. Approfittando della scarsa portata del fiume, i gestori hanno fermato la centrale in modo da accertare nel dettaglio le cause del guasto e verificare l’integrità delle altre parti di guaina.
«La falla potrebbe essersi creata a causa di un difetto di fabbrica della guaina o di un errore nella posa», ha spiegato l’amministratore delegato di Tanaro power Giuseppe Zanca. «Nonostante il danno sia modesto (rispetto al costo totale dell’opera di 11 milioni di euro), abbiamo deciso di prenderci alcune settimane per effettuare le verifiche del caso».
La centrale, i cui lavori di costruzione sono durati un anno e mezzo, dovrebbe tornare a funzionare a pieno regime nei primi mesi del 2016 e comunque entro la primavera, quando il livello del Tanaro sarà più alto e consentirà di sfruttare al meglio le due turbine dell’impianto, capaci di sprigionare una potenza di 4 megawatt. Verranno prodotti in maniera «pulita» 12 gigawatt ora l’anno di energia elettrica, ossia il fabbisogno di circa 4 mila famiglie.

Enrico Fonte