Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Cinema Vekkio, Officine di Resistenza e La torre insieme per ricordare la festa della Liberazione

CORNELIANO Entrano nel vivo i festeggiamenti per i 18 anni del Cinema Vekkio. Aspettando il 25 aprile è un appuntamento molto atteso della stagione culturale del circolo. Questa sera, martedì 19 aprile, si parte con l’esibizione dei Charé Moula, associazione culturale senza scopo di lucro, che si occupa di tradizioni, non solo musicali e canore, delle valli cuneesi.
Giovedì 21 aprile sarà proiettato il film-documentario Santa Libera, Agosto 1946, La rivoluzione che doveva venire. La rivoluzione che verrà realizzato da OfficineVideoIndipendenti
di Milano. Il film e il partigiano Giovanni Gerbi racconteranno cosa accadde durante l’agosto del 1946 a Santa Libera, tra le colline dell’Astigiano.
Officine di Resistenza, Cinema Vekkio e cooperativa libraria La Torre presenteranno il libro di Pino Tripodi Per sempre Partigiano domenica 24 aprile, alle 18, nella libreria albese, nella galleria della Maddalena. Il volume, liberamente tratto dalle memorie del comandante Primo, Giovanni Rocca, racconta fatti avvenuti dopo il 25 aprile. Il racconto «si focalizza su ciò che avvenne dopo la Liberazione, dal 25 aprile fino alla ribellione di partigiani, nell’agosto 1946 sulle colline di Santo Stefano Belbo, in località Santa Libera. Erano gli anni dell’amnistia di Togliatti che permise
agli assassini di Duccio Galimberti di passeggiare tranquillamente, ai criminali fascisti di risultare impuniti, ai collaborazionisti di riprendere il loro posto di lavoro». Per i partigiani nessun riconoscimento: anzi, erano in vista licenziamenti, come avvenne nella polizia di Asti. Fu la miccia che trasformò il malcontento in rivolta. Intorno alla vicenda si sviluppa il libro di Tripodi.

Lunedì 25 aprile sarà il giorno del Festival della Liberazione. «Per noi ogni anno è fondamentale ricordare che cosa sia stata la lotta contro il fascismo e il nazismo» spiega il coordinatore del circolo Giorgio Crana. L’appuntamento sarà realizzato in collaborazione con Officine di Resistenza. Sarà una giornata all’insegna della musica e del ricordo con un doppio palco e l’inizio dei concerti previsto per le 15.30. I primi a esibirsi saranno Il Complesso e Sir Chronicles.
A metà pomeriggio Officine di Resistenza porterà in scena testimonianze della lotta partigiana. Alle 18.30 spazio a cantautori e sperimentatori con Doc Neo ed Elisabetta sull’etichetta. Nella serata toccherà a Jam Trad e Lou Seriol. Per tutta la giornata nella postazione dj si alterneranno DotOn Diggeis, Karai-Bi Crew e il collettivo Vicol Thanks.

m.p.