Danilo Bono nuovo direttore generale dell'Asl Cn2

ALBA È Danilo Bono il nuovo direttore generale dell’Asl Cn2: la nomina è stata deliberata questa mattina, lunedì 18 aprile, dalla Giunta regionale su proposta dell’assessore regionale alla sanità Antonio Saitta. L’8 maggio 2016, infatti, scade l’incarico triennale di direttore generale attualmente ricoperto da Francesco Morabito. La scelta del nuovo direttore generale è avvenuta con la stessa procedura già seguita per la nomina dei sedici nuovi direttori generali delle Asl e delle Aso piemontesi nell’aprile del 2015, ovvero utilizzando l’elenco regionale degli idonei predisposto a seguito di una selezione operata da una commissione di esperti.

Piemontese, medico anestesista, 62 anni, Danilo Bono è attualmente il coordinatore regionale delle centrali operative del 118, direttore del Dipartimento emergenza territoriale 118 della Città della Salute di Torino e direttore del Dipartimento emergenza sanitaria territoriale 118 di Cuneo. È stato, tra l’altro, consulente medico alle Olimpiadi invernali a Salt Lake City nel 2002 e al Toroc per le Olimpiadi Torino 2006.

«Nominando il dottor Danilo Bono ai vertici dell’Asl Cn2 – commenta l’assessore Antonio Saitta – la scelta è caduta su un ottimo professionista, una persona esperta e competente, in grado di affrontare le sfide che attendono il territorio dell’Asl Cn2, a cominciare dal completamento della realizzazione e della messa in funzione del nuovo ospedale di Verduno, mediante il trasferimento delle attività e dei servizi dagli attuali presidi ospedalieri di Alba e Bra nei nuovi spazi. Questo è il primo degli obiettivi che abbiamo assegnato al dottor Bono, insieme all’attuazione del riordino delle rete ospedaliera, al potenziamento della rete dei servizi territoriali e alla realizzazione del Pat (Programma attività territoriali), all’applicazione di quanto previsto nel piano regionale della prevenzione, ovvero obiettivi di natura non meramente economica. Sono certo che abbiamo individuato la persona giusta per affrontare queste sfide».

Il dottor Bono assumerà l’incarico, che ha natura triennale, a partire dal 9 maggio 2016, mentre per la nomina del suo successore al 118 si procederà con le normali procedure pubbliche.

Sulla nomina di Bono è intervenuto l’europarlamentare Alberto Cirio, che in una breve nota ha scritto: «Auguro buon lavoro al dottor Bono, persona capace e competente; mi dispiace però constatare come la voce dei nostri sindaci, che chiedevano continuità, sia rimasta ancora una volta inascoltata e come per la prima volta, purtroppo, a guidare l’Azienda sanitaria di Langhe e Roero non ci sarà un uomo espressione di questo territorio. Un grande grazie, infine, al dottor Morabito. La sua professionalità, unita a una carica umana rara, di certo ci mancherà».