Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

400 firme contro la sala scommesse di corso Europa

ALBA Sono oltre 400 le firme già raccolte per ribadire la contrarietà del Comitato di quartiere Piave all’apertura di una sala scommesse in corso Europa, nell’ex filiale di una banca. Per consentire a tutti gli interessati di firmare è stato attivato un banchetto per la raccolta firme, attivo, in corso Europa 19, dal lunedì al venerdì, dalle 18 alle 20 e il sabato dalle 10 alle 12. Altri banchetti temporanei verranno collocati in prossimità di scuole e chiese del quartiere.

Cresce il malcontento dei residenti che sottolineano la presenza di ben sei scuole nell’arco di 500 metri dalla sede della futura sala scommesse, oltre a chiese, bancomat e numerosi altri punti sensibili indicati dalla legge regionale di contrasto alla ludopatia. Non si è fatta attendere la risposta del sindaco Maurizio Marello, che ai promotori della petizione ha scritto una lettera nella quale si legge: «Come è noto, la competenza per il rilascio della licenza per una sala scommesse compete alla Questura e non al Comune; ciò nonostante ho immediatamente trasmesso la vostra richiesta e la vostra petizione al Questore di Cuneo,  con il quale ho già conferito segnalando che la collocazione della sala appare in contrasto con la nuova legge regionale. Oltre a ciò, ho anche attivato gli uffici che stanno eseguendo tutte le verifiche in ordine alle distanze dai “luoghi sensibili” che la nuova legge prevede». «Pertanto, come Amministrazione ci attiveremo affinché la nuova normativa sia pienamente rispettata», conclude il sindaco.

Marcello Pasquero