Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Quasi 5 milioni di euro per il territorio dalla Fondazione Crc

FONDAZIONE CRC  Il Consiglio di amministrazione della Fondazione Crc, nella seduta del 27 giugno, ha deliberato i contributi della sessione erogativa generale 2016 pari a 4,45 milioni di euro per il territorio, a cui si aggiungono 1,6 milioni di euro impegnati per gli esercizi 2017, 2018 e 2019.

541 le richieste pervenute al 1° febbraio, data di scadenza della Sessione generale. 293 sono i contributi deliberati, sui 5 settori per i quali era possibile presentare richiesta:

‐ Salute pubblica: 28 contributi per 1.942.640 euro;

‐ Sviluppo locale: 82 contributi per 935.000 euro;

‐ Arte, attività e beni culturali: 65 contributi per 698.000 euro;

‐ Attività sportiva: 66 contributi per 554.500 euro;

‐ Promozione e solidarietà sociale: 52 contributi per 328.500 euro.

Nella stessa seduta, il CdA della Fondazione Crc ha deliberato i 14 contributi assegnati attraverso il bando Emergenza povertà, per un totale di 225 mila euro. Cinque i progetti a sostegno di realtà del territorio che operano per la presa in carico generale delle persone in difficoltà e 8 i progetti per lo sviluppo di progettualità che presentino caratteri innovativi e rispondano in maniera puntuale a bisogni specifici.

«La Sessione generale 2016 è la prima importante occasione erogativa per il nuovo Consiglio di amministrazione della Fondazione Crc, insediatosi a metà aprile» afferma il neo presidente Giandomenico Genta che aggiunge: «Con queste erogazioni, in linea con quanto previsto dal Programma operativo approvato lo scorso ottobre, la Fondazione garantisce a tante realtà del territorio provinciale il sostegno significativo e puntuale di cui hanno bisogno. A partire dai prossimi mesi, lavoreremo sulla programmazione 2017, che raccoglierà le priorità e le indicazioni alla base del programma di mandato 2016‐19. Ricordo anche che l’ultima sessione erogativa prevista per il 2016, a sostegno degli eventi che si svolgeranno dal 1° ottobre 2016 al 31 marzo 2017, scade domani, 30 giugno».