Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

Dal Psr 1,8 milioni per la rete di sentieri tra Langhe e Roero

Un gruppo di cicloturisti durante una sosta per riprendere fiato

TURISMO Il presidente del GAL Alberto Cirio: «Premiato il nostro lavoro di squadra. Ed è solo l’inizio».

Una cascata di contributi ha investito Langhe e Roero per potenziare le infrastrutture turistiche: 1,8 milioni di euro giunti a premiare “Percorsi” ovvero i sette progetti a sostegno del cicloturismo, elaborati da 65 Comuni a destra e a sinistra del Tanaro. I piani langhetti e roerini costituiscono, da soli, un terzo di quelli finanziati nella Granda e un ottavo di quelli premiati in Piemonte.
Al centro, una vasta rete di sentieri, percorribili a piedi o in mountain bike, per aprire Langhe e Roero a quel turismo verde che tanto sta tirando in Europa. Il portafoglio a cui la Regione ha attinto 12 milioni di euro per sostenere 55 progetti è quello del Piano di sviluppo rurale (Psr), finanziato dall’Unione europea.

Plaude ai Percorsi tra Langa e Roero anche l’auroparlamentare Alberto Cirio: «I progetti finanziati sono sette, ma fanno parte di un unico piano che ha l’obiettivo di potenziare la rete escursionistica e cicloturistica delle nostre colline», sottolinea l’eurodeputato Alberto Cirio, presidente del Gal Langhe Roero leader. «Proprio per lavorare in modo sinergico, abbiamo promosso con l’ente turismo un Tavolo di lavoro permanente, condividendo gli obiettivi con i Comuni e le unioni, ma anche con le organizzazioni di categoria e i tour operator. Il nostro impegno nel fare squadra è stato vincente e ringrazio l’assessore Valmaggia per l’attenzione che ha dimostrato»

All’Unione Montana Alta Langa è stato dato il ruolo di capofila per la presentazione di un unico Piano territoriale Langhe e Roero. Il progetto complessivo è stato poi “spacchettato” e suddiviso in sette candidature, tra loro coordinate e coerenti per ottenere il massimo dei contributi previsti dal bando. L’Unione Montana Alta Langa ha, quindi, coordinato in un’unica pianificazione i sette progetti al fine di assicurarne la coerenza, con l’obiettivo condiviso per la realizzazione di un comparto turistico basato sul ciclo-escursionismo, nell’ambito della rete escursionistica piemontese.

Tre itinerari

Il percorso Bar to Bar, che si snoda nelle Langhe su una lunghezza complessiva di 124 km, assorbirà i tre diversi contributi ottenuti dall’Unione dei Comuni di Langa e Barolo e dai Comuni di Barbaresco e Serralunga d’Alba: 252 mila euro a testa per un totale di 756 mila euro di contributo che serviranno a potenziare le infrastrutture e i servizi turistici su tutto il percorso e i punti informativi a Barolo, Monforte d’Alba, Novello e La Morra.

La GTL – Grande Traversata delle Langhe, quasi 60 km di itinerario escursionistico che unisce Saliceto a Santo Stefano Belbo, percorrendo le dorsali che separano le valli Belbo, Bormida ed Uzzone, potrà contare sulle risorse assegnate a Cortemilia e all’Unione Montana Alta Langa: 270 mila euro a testa per un totale di 540 mila euro di contributo. Serviranno per il completamento e il potenziamento dei percorsi e dei servizi connessi lungo l’itinerario, oltre ai quattro info point a Cortemilia, S.Stefano Belbo, Bossolasco e Murazzano.

Infine grazie ai contributi assegnati a Montà e Magliano Alfieri, 252 mila euro a testa per un totale di 504 mila eurdi contributo, verrà creato il nuovo “Roero Bike Tour” come un unico itinerario cicloescursionistico della sinistra Tanaro dotato di specifica segnaletica e punti panoramici attrezzati e di due aree camper a Santo Stefano Belbo e Vezza d’Alba, con punto di informazione turistica a Magliano Alfieri.

Tutti i progetti prevedono anche il potenziamento della comunicazione, in particolare sul web, con l’implementazione di contenuti informativi sull’outdoor (fruizione dei percorsi e servizi complementari, storytelling della cultura del territorio e del paesaggio, georeferenziazione dei punti di interesse e di informazione) che confluiranno in modo sinergico e coordinato sul sito dell’ATL – www.langheroero.it – e nell’App Alpi Langhe Outdoor.

Verranno realizzate anche una banca video e fotografica e delle brochure, oltre a interventi di segnaletica per il trasporto pubblico locale in collegamento con la rete ferroviaria metropolitana regionale.

In autunno verrà convocato un nuovo incontro del Tavolo di lavoro permanente sul turismo rurale, per definire in modo coordinato i contenuti della progettazione definitiva da presentare in Regione entro la scadenza del 10 novembre 2016.

Le dichiarazioni dei protagonisti

«Avevo promesso che il mio impegno in Europa sarebbe stato quello di portare più risorse per il nostro territorio sottolinea  Alberto Cirio – Ci stiamo riuscendo e questo è solo l’inizio, perché stiamo facendo un grosso lavoro sul nuovo Piano di sviluppo locale che potrebbe portare altri 6 milioni di euro specifici per il GAL, senza contare i progetti Alcotra con la Francia e la risposta, attesa entro l’anno, sul bando europeo biennale per la promozione dei prodotti agricoli. Parliamo in tutti questi casi di fondi  europei indiretti, mentre per la Ciclabile del mare, su cui abbiamo già ottenuto il finanziamento dello studio di fattibilità, potremo richiedere all’Europa anche fondi diretti».

 

«Abbiamo realizzato un bel progetto che ci stava a cuore da tempo e che ci permette di creare una rete per tutti i comuni del Roero – afferma Marco Perosino, sindaco di Priocca e presidente dell’Associazione Sindaci del Roero – Con un piccolo cofinanziamento da parte nostra per realizzare gli interventi, l’impegno sarà poi quello di mantenerli e tutelarli nel tempo».

 

«Siamo felici non solo per il contributo, che in tempi in cui ci sono poche risorse è naturalmente positivo, ma soprattutto per l’esperienza di un lavoro di squadra che ha premiato – commenta Alberto Bianco, vicesindaco di Barbaresco – Il merito è innanzitutto di Alberto Cirio che ha creduto e voluto un tavolo di coordinamento. Mettere d’accordo 50 sindaci non è una cosa da tutti i giorni».

 

«È un traguardo eccezionale – sottolinea Luigi Barbero, presidente dell’Ente Turismo Alba Bra Langhe e Roero – che dimostra la coesione e la collaborazione fra i vari attori del nostro territorio, che hanno progettualità e obiettivi condivisi. I risultati si concretizzano in questo caso con il contributo ottenuto sul Psr, in altri casi con azioni e attività che stanno portando sempre più in alto le nostre colline. L’Atl, con la propria struttura e le sue professionalità, si impegnerà a promuovere le attività previste dal bando, nell’ottica di continuare a far crescere l’economia turistica del territorio».

Nel numero di Gazzetta in edicola, gli interventi dettagliati previsti nei sette progetti e i commenti dei sindaci coinvolti e dell’assessore regionale Alberto Valmaggia.

Valeria Pelle