Su questo sito utilizziamo cookie tecnici.

La Corte dei conti apre indagine sull’ospedale di Verduno

 

VERDUNO Sprechi di denaro pubblico nella costruzione dell’ospedale di Verduno? Lo chiarirà un collegio di tre consulenti tecnici incaricati di svolgere le perizie e consegnarle entro maggio 2017 accogliendo un esposto del M5 stelle.

“La scelta del terreno sul quale costruire il nuovo ospedale Alba e Bra è stata incauta? La scelta del tipo di costruzione e le varianti lo sono state altrettanto? C’è stata una lievitazione dei costi a danno della collettività?” avevano chiesto nell’esposto del maggio 2014 la deputata del M5s Fabiana Dadone e i consiglieri piemontesi Mauro Campo e Davide Bono.

Per rispondere a queste domande Giancarlo Astegiano (Procuratore regionale presso la Corte dei conti di Torino), ha conferito incarico ad un collegio di 3 consulenti tecnici al fine di verificare se nella costruzione dell’ospedale  vi siano stati sprechi di denaro pubblico e, nel caso, a chi debbano essere addebitate le responsabilità.

«La Magistratura contabile ha deciso di non archiviare il caso, ma addirittura di approfondire per meglio accertare eventuali responsabilità. Consideriamo questo sviluppo positivo in quanto essenziale precedente nella valutazione di troppe opere caratterizzate da aumento significativo dei costi e dilatazione eccessiva dei tempi, realizzate o rimaste incompiute nella nostra regione» commentano la deputata del M5s Fabiana Dadone e i consiglieri piemontesi Mauro Campo e Davide Bono.